venerdì 02 dicembre | 23:47
pubblicato il 05/apr/2012 21:52

Lega/ Bossi: c'erano di mezzo i miei figli, non potevo stare lì

Ora devono fare chiarezza, io ero di intralcio

Lega/ Bossi: c'erano di mezzo i miei figli, non potevo stare lì

Roma, 5 apr. (askanews) - C'erano di mezzo "i miei figli, non potevo stare lì". E' un Umberto Bossi commosso che commenta ai microfoni di Tg4, la decisione di lasciare da segretario della Lega. "Adesso faranno il controllo di tutto. Chi ha ricevuto soldi deve ridarli. Comunque io non avevo nessuna voglia di star lì, devono avere mano libera, il gruppo che deve impegnarsi. Era ingiusto che restassi lì, ero solo un intralcio", ha aggiunge Bossi nelle sue prime parole davanti ad un microfono dopo la decisione di lasciare.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Renzi: brogli voto estero? Film che ritorna da chi teme sconfitta
Riforme
Referendum, Salvini: voto estero comprato ma no vincerà comunque
Riforme
Renzi: col Sì Italia più forte in Ue su crescita e immigrazione
Riforme
Referendum, Renzi: con Mattarella italiani sono in ottime mani
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari