lunedì 16 gennaio | 12:16
pubblicato il 05/apr/2012 21:52

Lega/ Bossi: c'erano di mezzo i miei figli, non potevo stare lì

Ora devono fare chiarezza, io ero di intralcio

Lega/ Bossi: c'erano di mezzo i miei figli, non potevo stare lì

Roma, 5 apr. (askanews) - C'erano di mezzo "i miei figli, non potevo stare lì". E' un Umberto Bossi commosso che commenta ai microfoni di Tg4, la decisione di lasciare da segretario della Lega. "Adesso faranno il controllo di tutto. Chi ha ricevuto soldi deve ridarli. Comunque io non avevo nessuna voglia di star lì, devono avere mano libera, il gruppo che deve impegnarsi. Era ingiusto che restassi lì, ero solo un intralcio", ha aggiunge Bossi nelle sue prime parole davanti ad un microfono dopo la decisione di lasciare.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Bersani: Renzi non ha capito lezione, così si sbatte di nuovo
Fca
Fca, Delrio: richiesta Germania a Ue del tutto irricevibile
Governo
Alfano: elezioni? Avanti finchè c'è carburante, senza psicodrammi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
Il prototipo della nuova Civic Type R debutta al Salone di Tokyo
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella, conto alla rovescia Anteprima Amarone
Turismo
On line il sito del Fondo Astoi a tutela dei viaggiatori
Energia e Ambiente
Energia, Bellanova: Italia con Enea all'avanguardia internazionale
Moda
Milano Moda uomo, i quadri viventi di Antonio Marras
Scienza e Innovazione
Spazio, prima passeggiata spaziale per il francese Thomas Pesquet
TechnoFun
Arriva Switch, la nuova console trasformista di Nintendo
Sistema Trasporti
A Milano il car sharing DriveNow apre alle auto elettriche