martedì 06 dicembre | 02:18
pubblicato il 04/set/2014 12:52

Lega a Bruxelles: stop sanzioni a Russia, urgenti fondi produttori

L'eurodeputata Bizzotto a Commissione Agricoltura Europarlamento (ASCA) - Roma, 4 set 2014 - Fondi straordinari per i produttori colpiti dall'embargo e sospensione delle sanzioni imposte alla Russia: e' quanto ha chiesto oggi a Bruxelles l'europarlamentare e vicesegretaria della Lega Nord, Mara Bizzotto, durante la seduta della Commissione Agricoltura del Parlamento Europeo che ha affrontato la questione dell'embargo russo e delle pesanti ricadute sul settore agroalimentare di casa nostra.

"Servono subito misure urgenti e straordinarie per aiutare i nostri produttori a fronteggiare le conseguenze e i gravi danni economici che sta provocando la chiusura del mercato russo - dichiara l'eurodeputata Bizzotto - Se l'Europa non interviene subito con finanziamenti adeguati, le ricadute sull'agroalimentare italiano e veneto e sull'intera economia del nostro territorio saranno devastanti".

L'europarlamentare vicentina ha rivolto lo stesso appello anche al Ministro per le Politiche Agricole, Maurizio Martina, che ieri ha partecipato, sempre a Bruxelles, alla riunione della Commissione Agricoltura.

"Stanziare 125 milioni di euro per tutta Europa, quando le stime dei possibili danni economici diretti e indiretti di questo embargo parlano di oltre 1 miliardo di euro solo per l'Italia e di quasi 100 milioni per il Veneto, mi sembra del tutto ridicolo - sottolinea l'eurodeputata Bizzotto - E' doveroso quindi procedere quanto prima all'attivazione di un piano europeo di sostegno per tutti i settori e gli operatori colpiti dall'embargo russo".

Rivolta ai rappresentanti della Commissione Ue, presenti al dibattito, la Bizzotto ha poi aggiunto: "E' arrivato il momento di sospendere le sanzioni Uecontro la Russia che hanno provocato, per tutta risposta da parte di Mosca, la chiusura del loro mercato ai nostri prodotti".

"Sanzionando la Russia, l'Unione Europea ha messo a segno un autogol clamoroso che rischia di mettere in ginocchio il Made in Italy e di trascinare a picco la nostra economia - conclude Mara Bizzotto - Non dobbiamo e non possiamo far ricadere sulle spalle dei nostri produttori le conseguenze di una sciagurata politica europea".

Red/Orm

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Italicum a rischio, è già dibattito sulla nuova legge elettorale
Riforme
Dopo il voto Renzi dimissionario al Colle. Mattarella arbitro
Governo
M5S vuole il voto subito. Ma Di Maio premier non convince tutti
Governo
Stamattina colloquio informale Mattarella-Renzi al Quirinale
Altre sezioni
Salute e Benessere
Diabete, arriva in Italia penna con concentrazione doppia insulina

Roma, 5 dic. (askanews) - Un'iniezione "morbida", più facile, e una penna con il doppio delle unità di insulina disponibili per ridurre il numero di device da gestire: un...

Enogastronomia
Festa a Roma con Heinz Beck per i 30 anni del Gambero Rosso
Turismo
Eden Travel Group, il SalvaVacanza spinge l'advance booking
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Spazio, nuovo successo per il razzo italiano Vega
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari