domenica 04 dicembre | 11:17
pubblicato il 18/giu/2011 09:56

Lega/ 'Padania': Per Pontida attesa da finale di Champions league

Rilancio e ruolino di marcia. 'Giornale': Incognita è Maroni

Lega/ 'Padania': Per Pontida attesa da finale di Champions league

Roma, 18 giu. (askanews) - "Come una finale da Champions league". Così la 'Padania', che, in vista del raduno leghista di domani, scrive: "L'attesa che si respira alla vigilia del raduno leghista di Pontida è più o meno questa. Con tutti i corollari del caso. Comprese le indiscrezioni e i retroscena dell'ultima ora su moduli e formazioni. Alcuni di questi, a dirla tutta, piuttosto fantasiosi. Chi conosce il Carroccio però sa bene che alla vigilia di un appuntamento importante le certezze non sono mai molte. Salvo una: Umberto Bossi. Sarà il suo discorso a riempire di significato e di contenuto questa giornata e a fare il punto della situazione definitivo su quale strada dovrà percorrere il movimento da qui ai prossimi mesi". "L'unica vera certezza - si legge sul quotidiano del Carroccio - è dunque l'interesse della Lega a fissare un punto dal quale ripartire con slancio. Stop alla guerra in Libia, delocalizzazione dei ministeri, completamento del federalismo fiscale e avvio di quello politico, riforma istituzionali e fiscali, modifica del patto di stabilità per liberare risorse e favorire lo sviluppo. Questi i punti chiave che con ogni probabilità verranno riassunti in un documento molto preciso e dettagliato che, ottenuto il via libera del popolo padano, verrà presentato al premier. Da quanto - precisa la 'Padania' - si apprende non si tratterà di un semplice elenco, ma di un ruolino di marcia piuttosto preciso che tenga in considerazione modi e soprattutto tempi di attuazione delle varie proposte". Al raduno di Pontida dedicano l'apertura anche i due quotidiani di aerea centro-destra. Per il direttore di 'Libero' Maurizio Belpietro, i leghisti "a Pontida non decideranno quajndo e come far cadere il governo, semmai come tenerlo in piedi e farlo durare". Più dubbioso Vittorio Feltri che, sul 'Giornale', rileva che "vari leghisti ne hanno piene le balle di stare con il Cavaliere e aspirano a mollarlo. Nel partito costoro costituiscono una maggioranza o una minoranza? Lo sapremo domani", secondo Feltri, per il quale mentre è probabile che Bossi "ribadisca eterna fedeltà all'amico Silvio", da Maroni "potrebbero arrivare novità poco liete sulla saldezza della coalizione di maggioranza".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, seggi aperti in tutta Italia: sì o no a riforma Renzi
Riforme
Referendum,voto cattolico plurale:da no Family day a sì gesuiti
Riforme
Vigilia del voto, Sì e No si accusano di violare il silenzio
Riforme
Referendum, quante volte è cambiata la Costituzione dal '48 a oggi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari