lunedì 23 gennaio | 09:58
pubblicato il 25/set/2015 16:18

Le tre cose da sapere sulla legge per il Senato elettivo

Sarà operativa solo dopo il referendum confermativo del 2016

Le tre cose da sapere sulla legge per il Senato elettivo

Roma, 25 set. (askanews) - L'intesa tra Matteo Renzi e la minoranza del Pd porterà ad una modifica della riforma costituzionale per sancire il principio della elettività dei futuri senatori-consiglieri regionali. Ma la Costituzione rinvia poi ad una legge ordinaria la modalità di questa elezione.

NORMA TRANSITORIA - Innanzitutto l'elezione diretta non partirà subito, ossia non dal primo rinnovo del Senato. Se le Camere si scioglieranno a scadenza naturale della legislatura nel 2018, infatti, nel testo del Ddl Boschi c'è una norma transitoria che stabilisce il sistema elettorale di secondo grado. Il motivo è semplice: poichè per l'entrata in vigore della riforma costituzionale bisognerà attendere il referendum (che dovrebbe tenersi nel 2016) occorre garantire comunque un sistema elettorale per il rinnovo del Senato. In futuro quindi, essendo il Senato composto da consiglieri regionali il suo ricambio avverrà in base alle elezioni regionali che non avvengono simultaneamente;

SISTEMI ELETTORALI - Il nuovo Senato sarà composto da 95 senatori (5 sono nominati al Capo dello Stato) quelli da eleggere sono 74 perchè gli altri 21 saranno sindaci. Le ipotesi di sistemi elettorali sono tre: un listino bloccato che viene presentato alle elezioni regionali accanto a quello in cui gli elettori sceglieranno i membri del consiglio regionale. Oppure un listino ma con le preferenze in modo che gli elettori possano scegliere il nome del candidato che vogliono mandare al Senato. Infine, ma questa è l'ipotesi più difficile da realizzare, seppure caldeggiata dalla minoranza dem, l'ipotesi dei collegi, che però dovrebbero tener conto del principio di rappresentanza proporzionale.

LEGGE A MAGLIE LARGHE - la nuova legge per i senatori dovrà comunque essere piuttosto elastica per tener conto dei sistemi istituzionali ed elettorali diversi nelle diverse regioni, basti pensare a quelle Autonome e alle Province Autonome di Trento e Bolzano. Inoltre bisognerà tener conto delle differenze numeriche: ci sono regioni (come la Basilicata, le Marche, l'Umbria) che eleggono un solo senatore e questo non esclude che possa essere il presidente della Regione o il presidente della Giunta regionale.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Nato
Emiliano: Trump ignora la Nato? Potremmo rinegoziare trattati
Usa
Gentiloni: Trump? Collaboreremo ma abbiamo i nostri valori
Pd
Emiliano: se qualcuno apre il congresso mi candido segretario Pd
Governo
Gentiloni: D'Alema non aiuta la discussione, troppo polemico
Altre sezioni
Salute e Benessere
Nuove postazioni di telemedicina italiana no profit in Africa
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4