mercoledì 18 gennaio | 23:52
pubblicato il 04/ott/2012 20:45

Lazio/ Zingaretti scende in campo, pressing su Riccardi a Roma

"Se me lo chiedesse un segretario di partito risponderei sì o no"

Lazio/ Zingaretti scende in campo, pressing su Riccardi a Roma

Roma, 4 ott. (askanews) - A Francesco Storace, leader della Destra e storico 'battutaro', non è sfuggita l'occasione di mettere il proprio sigillo ad una giornata clou per il Lazio: "A Roma - ha scritto su Twitter - con la candidatura di Riccardi, al posto di Zingaretti arriveranno direttamente gli zingari". La boutade di Storace, un po' istrionica e un po' razzista, fotografa però una questione politica aperta. Accettando, oggi, la candidatura alla presidenza della Regione, Nicola Zingaretti ha 'scoperto' la casella a cui sembrava destinato, quella del candidato di centro-sinistra per il Campidoglio. "C'è una emergenza democratica", ha detto Zingaretti per spiegare oggi in conferenza stampa la sua scelta, maturata quando si è aperto il dopo-Polverini. "Siamo seduti su una polveriera". Il presidente della Provincia di Roma ha incassato il ringraziamento del suo partito, a partire dal segretario Pierluigi Bersani: "E' il modo più concreto di testimoniare come la politica possa promuovere il rinnovamento, garantendo capacità ed esperienza per la guida delle istituzioni". Si apre ufficialmente, a questo punto, la corsa al Campidoglio. Nessuna data prefissata, ma nelle segreterie di partito si cerca di individuare il candidato del dopo-Alemanno. Nel centro-sinistra, in particolare, il totonomine va avanti da giorni. Circolano i nomi di Giovanna Melandri, David Sassoli, Enrico Gasbarra per il Pd. E torna - nell'ottica di un'intesa tra centro e sinistra - il nome di Andrea Riccardi, ministro del governo Monti, storico e fondatore della comunità di Sant'Egidio. L'Udc lo guarda con favore, il segretario del Pd Bersani sarebbe intenzionato a contattarlo nei prossimi giorni, l'associazionismo cattolico lo apprezza da anni. Ma lui continua a ripetere da settimane che non ha ambizioni personali per il futuro e ora pensa a fare il ministro. Di tematiche, oltretutto, di cui si occupa da una vita (la cooperazione internazionale, l'integrazione). "Se me lo chiedesse un segretario di partito - ha detto ieri interpellato dai cronisti - ne discuteremmo e a lui risponderei sì o no". Ma non basta. Ogni sua parola viene vagliata come una premonizione. Quando gli hanno chiesto quale sindaco capitolino del passato ricordasse, e lui ha risposto Giulio Carlo Argan, ha suscitato tanti retropensieri da dover precisare che non era un'autocandidatura. Stessa cosa quando ha criticato il sindaco Alemanno per lo sgombero dei campi rom. E stessa cosa quando, negli anni scorsi, 'boatos' di corridoio davano per sicura una sua candidatura alla guida della regione Lazio, nelle liste del Pd di Veltroni, al ministero degli Esteri. Voci tanto sicure quanto, alla prova dei fatti, infondate.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Renzi si mette in viaggio in pullman: ripartiamo girando l'Italia
Fca
Fca,Gentiloni a Merkel: omologazione spetta a autorità italiane
Brexit
Brexit,Gentiloni:May fa chiarezza, Ue pronta a discutere con Gb
Terremoti
Terremoto, Boschi segue situazione. In contatto con Curcio e Errani
Altre sezioni
Salute e Benessere
"Guarda che bello", quando gli occhi dei bimbi si curano con gioia
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella: in Usa il 10% della produzione di Amarone
Turismo
Da Bookingfax una App per riportare turisti in Agenzia di viaggio
Energia e Ambiente
Leader mondiali dell'industria danno vita all'Hydrogen Council
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
"L'Ara com'era", il racconto dell'Ara Pacis diventa più immersivo
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Gb, arrivato a Londra primo treno merci proveniente dalla Cina