sabato 03 dicembre | 05:39
pubblicato il 12/feb/2013 13:05

Lazio: Zingaretti, querelo i radicali per diffamazione

(ASCA) - Roma, 12 feb - ''Il presidente della Provincia da sempre non riceve un salario, ma un'indennita' di carica fissa di circa 5mila euro al mese, come previsto dalla legge.

L'ente rimborsa esclusivamente i contributi previdenziali agli eventuali datori di lavoro degli eletti, nulla a che vedere con il meccanismo dei rimborsi degli stipendi dei consiglieri provinciali. La mia dichiarazione dei redditi e' sempre stata online sul sito internet della Provincia di Roma e la questione oggi sollevata dal Partito Radicale sulla stampa e' gia' stata oggetto di una risposta esauriente ad un'interrogazione del gruppo consigliare Pdl della Provincia di Roma in data 2 aprile 2009''. E' quanto dichiara in una nota Nicola Zingaretti, candidato Pd alla presidenza della Regione Lazio, in merito alla vicenda, sollevata dal Partito dei Radicali e riportata dal 'Corriere.it', sulla sua assunzione dal comitato del Pd il giorno prima che accettasse la candidatura a presidente della Provincia di Roma innescando - secondo i Radicali - 'un meccanismo previsto dalla legge che consente ai datori di lavoro di far gravare sull'ente gli stipendi e i contributi per gli eletti in Provincia'.

''Nella mia vita sono stato prima dipendente della Sinistra Giovanile, a partire dal 1991, e - aggiunge Zingaretti -successivamente, del Pds, poi dei Ds e, dalla sua costituzione, del Partito Democratico, in maniera continuativa con assunzioni e riassunzioni determinate dai processi politici e dalle conseguenti trasformazioni giuridiche della ragione sociale del partito in cui milito.

In particolare, nell'autunno del 2007 sono stato fondatore del Partito Democratico ed eletto segretario regionale dopo le elezioni primarie ottenendo 282mila voti dei cittadini. In virtu' di questa elezione e della fondazione del Pd si e' avviato un percorso che ha visto confluire i Democratici di Sinistra nella costituzione del Comitato Provvisorio del Partito Democratico del Lazio, da cui sono stato in seguito assunto cosi' come avvenuto per tutti gli altri dipendenti in tutta Italia. Nella vicenda sollevata non c'e' quindi alcunche' di anormale ne', tanto meno, alcunche' di illegale.

''L'iniziativa del Partito Radicale si prefigura quindi come un osceno tentativo di discredito di una persona perbene - conclude Zingaretti - una macchina del fango in piena campagna elettorale. Per questo ho dato mandato ai miei legali di presentare una querela per diffamazione. Rimane il rammarico che una storia di identita' e di battaglie politiche e civili, come quella del Partito Radicale, venga rovinata da una pagina cosi' falsa, strumentale e vergognosa''.

com/mau/rob

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Renzi: brogli voto estero? Film che ritorna da chi teme sconfitta
Riforme
Referendum, Salvini: voto estero comprato ma no vincerà comunque
Riforme
Renzi: col Sì Italia più forte in Ue su crescita e immigrazione
Riforme
Politici, vip e costituzionalisti, tutti divisi al referendum
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari