giovedì 19 gennaio | 14:27
pubblicato il 19/gen/2013 14:44

Lazio: Zingaretti, in Francia non direbbero 'con cultura non si mangia'

(ASCA) - Roma, 19 gen - Basta con il manifesto ideologico e culturale che ha caratterizzato gli anni passati ''con la cultura non si mangia''. Non e' vero, al contrario, la cultura rappresenta un ''pilastro dello sviluppo''. Ne e' convinto Nicola Zingaretti, candidato del centrosinistra alla presidenza della Regione Lazio, che ha incontrato a Roma, nel cuore di Testaccio, gli operatori del settore del cinema in occasione del dibattito 'Cinema e territorio', presenti gli ex assessori alla cultura di Comune Roma e Regione Lazio, Umberto Croppi e Giulia Rodano e il consigliere comunale Paolo Masini. Per Zingaretti e' giunto il tempo di ribaltare l'idea che ''con la cultura non si mangia'', simbolo ed emblema di ''un modello sociale che ha rovinato l'Italia'', un'ideologia che ha definito ''clamorosamente falsa, come dimostrano i dati sulla crescita di consumi culturali nel mondo''. ''Mentre la domanda per il mercato delle automobili cala, la domanda per il mercato culturale cresce'' ha spiegato, rimarcando che e' giunto il tempo di puntare sull'investimento culturale, riaffermando la centralita' della cultura in questi anni sottovalutata dalla politica.

''In Francia - ha detto - nessun politico di destra o di sinistra si sognerebbe di affermare che con la cultura non si mangia'', puntando l'attenzione sull'importanza di questo comparto che e' in stretta relazione anche con altri settori della societa' e sulla sua rilevanza oltre che economica anche di collante sociale. Di qui gli obiettivi e le proposte del candidato: ''Chiunque vincera' in Regione - ha detto - avra' il problema dei rapporti tra cassa e competenza. La cassa manca, ci sono solo impegni e con la competenza si fa la propaganda, la politica degli annunci. La speranza di dare un seguito a quanto ci diciamo sara' anche in quanto sapremo governare la spesa sanitaria - e sottolineo governare e non tagliare - che con i trasporti occupa il 90% del totale''. Dunque serve un progetto di trasformazione della societa', con comparti come cultura, attivita' produttive e turismo ''che si incrociano. Il mio pensiero - ha concluso - e' che manca a questa regione e' proprio l'ente Regione che dobbiamo ricostruire''. bet/mau

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
D'Alema: con Renzi non vinceremo mai, leader e premier nuovi
Pd
Renzi si mette in viaggio in pullman: ripartiamo girando l'Italia
Brexit
Brexit,Gentiloni:May fa chiarezza, Ue pronta a discutere con Gb
M5s
Grillo lancia il "reddito universale": confronto è su idea futuro
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ricerca, molti batteri presenti nel neonato vengono dalla madre
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella: in Usa il 10% della produzione di Amarone
Turismo
Da Bookingfax una App per riportare turisti in Agenzia di viaggio
Energia e Ambiente
Allarme Clima, il 2016 è stato l'anno più caldo di sempre
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
Cern, LHC: Federico Antinori (Infn) responsabile esperimento Alice
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Gb, arrivato a Londra primo treno merci proveniente dalla Cina