martedì 21 febbraio | 18:19
pubblicato il 19/gen/2013 14:44

Lazio: Zingaretti, in Francia non direbbero 'con cultura non si mangia'

(ASCA) - Roma, 19 gen - Basta con il manifesto ideologico e culturale che ha caratterizzato gli anni passati ''con la cultura non si mangia''. Non e' vero, al contrario, la cultura rappresenta un ''pilastro dello sviluppo''. Ne e' convinto Nicola Zingaretti, candidato del centrosinistra alla presidenza della Regione Lazio, che ha incontrato a Roma, nel cuore di Testaccio, gli operatori del settore del cinema in occasione del dibattito 'Cinema e territorio', presenti gli ex assessori alla cultura di Comune Roma e Regione Lazio, Umberto Croppi e Giulia Rodano e il consigliere comunale Paolo Masini. Per Zingaretti e' giunto il tempo di ribaltare l'idea che ''con la cultura non si mangia'', simbolo ed emblema di ''un modello sociale che ha rovinato l'Italia'', un'ideologia che ha definito ''clamorosamente falsa, come dimostrano i dati sulla crescita di consumi culturali nel mondo''. ''Mentre la domanda per il mercato delle automobili cala, la domanda per il mercato culturale cresce'' ha spiegato, rimarcando che e' giunto il tempo di puntare sull'investimento culturale, riaffermando la centralita' della cultura in questi anni sottovalutata dalla politica.

''In Francia - ha detto - nessun politico di destra o di sinistra si sognerebbe di affermare che con la cultura non si mangia'', puntando l'attenzione sull'importanza di questo comparto che e' in stretta relazione anche con altri settori della societa' e sulla sua rilevanza oltre che economica anche di collante sociale. Di qui gli obiettivi e le proposte del candidato: ''Chiunque vincera' in Regione - ha detto - avra' il problema dei rapporti tra cassa e competenza. La cassa manca, ci sono solo impegni e con la competenza si fa la propaganda, la politica degli annunci. La speranza di dare un seguito a quanto ci diciamo sara' anche in quanto sapremo governare la spesa sanitaria - e sottolineo governare e non tagliare - che con i trasporti occupa il 90% del totale''. Dunque serve un progetto di trasformazione della societa', con comparti come cultura, attivita' produttive e turismo ''che si incrociano. Il mio pensiero - ha concluso - e' che manca a questa regione e' proprio l'ente Regione che dobbiamo ricostruire''. bet/mau

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Ultime ore per arginare la scissione nel Pd, occhi su Emiliano
Pd
Rossi: io già fuori dal Pd, spero Emiliano sia conseguente
Pd
Pd, Prodi: la scissione è un suicidio, non posso rassegnarmi
Pd
Speranza: domani non andrò alla direzione, ieri rottura nel Pd
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ictus, movimento e linguaggio tra le funzioni più colpite
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Olio extravergine, a Sol d'Oro Emisfero Nord Italia batte Spagna 12 a 3
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Elicotteri italiani AW-139 in Pakistan, nuovo ordine per Leonardo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia