sabato 21 gennaio | 23:40
pubblicato il 08/feb/2013 18:10

Lazio: Zingaretti e Storace puntano sull'economia del mare. Le proposte

(ASCA) - Roma, 8 feb - La campagna elettorale per la conquista della Presidenza della Regione Lazio passa anche per i 350 chilometri delle coste del Tirreno e Nicola Zingaretti, candidato del centrosinistra, e Francesco Storace, candidato del centrodestra, puntano sulla 'blue economy'. Un comparto da valorizzare, nelle intenzioni di entrambi, un settore con potenzialita' importanti. Nicola Zingaretti non ha dubbi.

''Saremo la prima Regione in Italia ad avere in Giunta una delega all'economia del mare'' si legge nel programma che punta alla creazione dello Sportello Unico per il Mare e alla realizzazione del Piano di Utilizzazione degli Arenili e del Piano di Riqualificazione delle Coste. Nelle intenzioni del candidato del centrosinistra c'e' un Testo Unico per lo sviluppo sostenibile del litorale del Lazio ed un Nuovo Piano di Coordinamento dei Porti, passando per le cosiddette Autostrade del Mare, non dimenticando l'inserimento di Civitavecchia nella rete dei porti europei (Tenth).

Zingaretti 'strizza l'occhio' poi alla possibilita' di un Distretto integrato della Nautica e punta alla valorizzazione e alla difesa delle isole e delle Aree Marine Protette, senza dimenticare la necessita' di mettere in atto una strategia integrata per il rilancio della filiera ittica. Sulla straordinarieta' e sulle potenzialita' del mare laziale scommette anche Francesco Storace che, come promette nel suo programma, mira a portare a termine le linee guida per la portualita' della passata gestione - inclusa quella turistica - e lo sviluppo del litorale laziale. ''E' nostra ferma intenzione - si legge nel programma - portare a termine questo strumento di pianificazione per dare una nuova occasione di sviluppo all'economia regionale, snellendo anche ogni procedura autorizzatoria per la portualita' turistica a tutto vantaggio dell'economia della costa che molto si attende dalla nautica da diporto: i porti turistici di Terracina, Formia, Ladispoli e Tarquinia lo attendono. Risolveremo, inoltre, il nodo connesso al porto di Fiumicino e a quello di Ponza sin da subito, saranno nostre priorita'''.

Obiettivo quindi portare ad integrazione la portualita' laziale e la relativa utenza con tutto il sistema di mobilita' regionale. ''I nostri traghetti ed i nostri aliscafi - si legge - saranno direttamente collegati con tutto il sistema del T.P.L. regionale''. Stesso discorso per la portualita' turistica e crocieristica attraverso collegamenti dedicati. bet/mau

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Prodi: alla sinistra serve un nuovo riformismo
Governo
Grasso: legislatura duri fino a 2018 per recuperare tempo perduto
Pd
Guerini: Bene Prodi. Ora il Mattarellum, è lo strumento migliore
Parma
Pizzarotti: mi ricandido, non lascio un buon lavoro a metà
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4