lunedì 05 dicembre | 02:22
pubblicato il 11/feb/2013 18:06

Lazio: Zingaretti e Storace puntano su rilancio agricoltura

(ASCA) - Roma, 11 feb - L'agricoltura protagonista dei programmi elettorali dei candidati alla Presidenza della Regione Lazio. Sia Nicola Zingaretti che Francesco Storace scommettono sul settore che - come sottolineano entrambi - rappresenta un comparto fondamentale per il futuro del Lazio.

Per il candidato del centrosinistra Zingaretti dopo decenni di consumo del territorio e' giunto il tempo di costruire un'economia che valorizzi la terra e punti sulla sostenibilita' anche attraverso l'innovazione tecnologica ed energetica. Dunque valorizzazione delle strutture strategiche come il Centro Agroalimentare di Roma e il Mercato Ortofrutticolo di Fondi, passando anche attraverso l'assegnazione di terre pubbliche ai giovani imprenditori.

Per Zingaretti l'agricoltura passa anche attraverso una legge che riordini lo stato giuridico delle Universita' agrarie della Regione, senza dimenticare il sostegno ai prodotti a Km0 e prodotti biologici nella rete dei mercati rionali con la creazione di un marchio territoriale e di un portale internet.

Anche Francesco Storace candidato del centrodestra considera prioritario il rilancio del comparto, un ''settore che non deve essere piu' trascurato''.

Storace parte dal concetto di qualita' per sviluppare un'agricoltura competitiva e multifunzionale, con un modello agroalimentare che deve poggiarsi su tre concetti chiave: qualita', sostenibilita' e internazionalizzazione. Il candidato del centrodestra in particolare pensa alla realizzazione di un'apposita Direzione Regionale che avra' la funzione di Sportello Europa a supporto dei diversi settori produttivi in stretto contatto con l'ufficio di Bruxelles. Le imprese inoltre verranno messe in rete creando dei gruppi di imprese che si impegneranno a cooperare su mercati comuni.

Per il candidato di centrodestra sara' necessaria una nuova Legge regionale sulla innovazione e l'aggregazione delle imprese agricole. Dunque riduzione degli oneri burocratici per le imprese, miglior accesso ai finanziamenti pubblici e l'impegno per la realizzazione di un Testo Unico Regionale in materia di agricoltura, foreste, pesca e sviluppo rurale. bet/mau/rl

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum,Si:respinti rappresentanti no a scrutinio voto estero
Riforme
Referendum, seggi aperti in tutta Italia: sì o no a riforma Renzi
Riforme
Referendum, affluenza boom alle urne: alle 19 è già al 57,24%
Riforme
Referendum,Centro-Nord spinge affluenza oltre 60%,Sud sotto il 50%
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari