mercoledì 22 febbraio | 16:55
pubblicato il 16/feb/2013 11:20

Lazio: senza scintille faccia a faccia tv tra aspiranti governatori

Lazio: senza scintille faccia a faccia tv tra aspiranti governatori

(ASCA) - Roma, 16 feb - Tanto tuono' che non piovve. L'atteso confronto tra i candidati presidenti alla Regione Lazio su Skytg24 e' scivolato via tranquillo tra obiettivi ed intenti, senza le scintille che molti attendevano, costretto dai tempi e dalle regole della trasmissione che non hanno consentito un 'contatto' diretto tra Francesco Storace e Nicola Zingaretti. Molte le questioni affrontate, dai rifiuti alla sanita', dal turismo ai trasporti, al tema inevitabile dei costi della politica anche alla luce degli scandali - da Fiorito del Pdl a Maruccio dell'Idv - che hanno portato alle dimissioni della governatrice Renata Polverini. Storace ha tentato di provocare Zingaretti su quelli che ha definito i rimborsi d'oro ai consiglieri provinciali, questione che Zingaretti ha respinto al mittente spiegando che ai consiglieri non e' mai stato rimborsato neanche un caffe'. Non poteva mancare il riferimento al Palazzo della Provincia all'Eur e al costo dell'operazione che il leader della Destra ha ripresentato all'ex numero uno di Palazzo Valentini, oltre al malfunzionamento della rete wi-fi voluta da Zingaretti e alla responsabilita' di non aver individuato un sito per la discarica per mettere un punto all'emergenza rifiuti a Roma. Accuse che il candidato del centrosinistra ha respinto al mittente, ricordando il debito della sanita' a Storace, che ha controreplicato sottolineando come lui gli ospedali li abbia aperti e non chiusi, come Piero Marrazzo ha fatto col San Giacomo a Roma. Gli altri candidati hanno avuto l'opportunita' di esporre il proprio pensiero sulla Regione che 'vorrebbero' e, ad uscire dal confronto senza le ''ossa rotte', e' stato Davide Barillari del Movimento Cinque Stelle, il piu' convincente secondo gli spettatori di SkyTg24. La domanda sottoposta ai telespettatori era infatti ''Chi ti sta convincendo di piu'?'' e Barillari, di professione informatico, ha ottenuto il 30% dei voti, seguito da Zingaretti con il 25% e, in terza posizione da Simone Di Stefano di CasaPound che ha raccolto il 23% delle prefenze. Per il candidato del centrodestra, Storace, il 13%, per Giulia Bongiorno (Scelta civica) il 7%, mentre fanalino di coda per il radicale Giuseppe Rossodivita con il 2%. Forse ad influire sulle 'preferenze' dei telespettatori il 'coming out' sugli stipendi dei candidati che hanno risposto alla domanda del giornalista. A guadagnare di piu' la Bongiorno con 1,5 milioni all'anno, Francesco Storace 8 mila euro al mese, 5 mila euro per Nicola Zingaretti, 1.500 euro per Barillari, mentre meno di 1.000 euro per Simone Di Stefano. Unico a non indicare la cifra il radicale Rossodivita, che ha rimandato i telespettatori a controllare la sua dichiarazione dei redditi, pubblicata online. bet/vlm

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd nomina commissione congresso, Emiliano si candida a primarie
Consip
Di Maio: Renzi vuoti il sacco su donazione da Alfredo Romeo
Pd
Pd, Orfini: dopo Emiliano spero ci ripensino Rossi e Speranza
Pd
Speranza: Emiliano resta nel Partito di Renzi, noi no
Altre sezioni
Salute e Benessere
Carnevale, allarme dermatologi: attenzione a trucchi e maschere
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
150 ettari oliveto sul mare a Menfi, prende vita progetto Planeta
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Spazio, astronauti italiani e cinesi lavoreranno fianco a fianco
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
De Caro, alta velocità Brescia-Verona a marzo ok da Cipe