lunedì 05 dicembre | 01:50
pubblicato il 19/gen/2013 17:45

Lazio: Baldassarri, dismissioni veloci per ridare ossigeno alla Sanita'

(ASCA) - Roma, 19 gen - ''Dismissione veloce di numerosi immobili e delle quote societarie regionali su territorio laziale per permettere il corretto funzionamento della Sanita' pubblica regionale e il pagamento dei salari degli addetti'' e' una delle soluzioni che la Candidata alla Regione Lazio per il movimento ''Fare per fermare il declino'', Alessandra Baldassarri, indica nel suo programma elettorale.

''Per la scellerata conduzione fin qui perpetrata di un settore vitale ed importantissimo per i quasi 6 milioni di abitanti del Lazio - scrive la Baldassarri in una nota -, occorrono immediate misure di reale razionalizzazione del settore accompagnate da un gettito straordinario che deve venire dalla veloce dismissione degli edifici pubblici in mano alla Regione e anche al Comune di Roma, visto che il problema investe sia gli ospedali della capitale che quelli della regione Lazio''.

''A fronte di piani miopi ed ottusi che mirano unicamente a ripianare i conti economici a scapito della professionalita' del personale medico e paramedico e di aleatorie dichiarazioni fino ad oggi fatte dai vari aspiranti governatori alla regione Lazio - aggiunge -, il movimento 'Fare per fermare il declino' sta elaborando un piano straordinario che prevede la dismissione veloce degli edifici pubblici ora in mano alla Regione e del Comune di Roma e anche, in alternativa alle vendite, la loro messa a reddito, nonche' la vendita delle quote societarie''.

''Fino ad oggi tutti i candidati in corsa alla presidenza della Regione Lazio, da Zingaretti alla Buongiorno, non dicono nulla su un argomento di importanza vitale per tutti i cittadini del Lazio. Manca solo un mese alle elezioni e da nessuna parte arrivano proposte concrete se non vaghi si appelli sulla necessita' di intervenire su questo settore'', conclude la Baldassari che rilancia anche la proposta del leader del movimento, Oscar Giannino, di fare pagare allo Stato, a livello nazionale, una patrimoniale su tutti gli immobili pubblici sul territorio nazionale.

red/mau

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum,Si:respinti rappresentanti no a scrutinio voto estero
Riforme
Referendum, seggi aperti in tutta Italia: sì o no a riforma Renzi
Riforme
Referendum, affluenza boom alle urne: alle 19 è già al 57,24%
Riforme
Referendum,Centro-Nord spinge affluenza oltre 60%,Sud sotto il 50%
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari