lunedì 05 dicembre | 11:38
pubblicato il 26/giu/2012 07:30

Lavoro/Ex pool mani pulite: Paese muore di sommerso e corruzione

Legalità sola condizione sviluppo; Speranza in minoranze evolute

Lavoro/Ex pool mani pulite: Paese muore di sommerso e corruzione

Milano, 26 giu. (askanews) - Strumenti investigativi smussati, o fortemente indeboliti; riforme giudiziarie fatte nell'interesse dei corruttori o dei concussi: economia drogata da un'illegalità di massa e crescita bloccata soprattutto da corruzione e mafia, ormai, in questa Italia del 2012, "componenti della costituzione materiale del Paese". E' il quadro della legalità in Italia, tratteggiato ieri sera, con la forza della testimonianza diretta e con dati alla mano, dai magistrati protagonisti dei grandi processi degli anni Novanta, riuniti a convegno a Milano. A vent'anni da Tangentopoli, lo stato della legalità, in Italia, se possibile, è peggiorato; rimane aperto il nodo dei rapporti tra mafia e politica. "Le aristocrazie mafiose si stanno integrando nella società come borghesia produttiva" e se un sottosegretario è condannato in primo e secondo grado, a differenza della Prima repubblica, non si dimette. Con contraccolpi pesantissimi sull'economia del Paese. Che si trova nello stato attuale non per mancate riforme liberalizzatrici ma per la zavorra insostenibile della corruzione e del sommerso. E "se in Italia c'è crescita zero - osserva uno dei magistrati del pool Mani pulite, Piercamillo Davigo - ciò deriva principalmente dalla criminalità economica. Perché con il trenta per cento di Pil di sommerso, significa che questo Paese sta morendo per evasione fiscale". I magistrati dell'ex pool Mani Pulite si sono riuniti a Milano nella giornata dell'anteprima del festival dedicato ai temi dello sviluppo e dell'occupazione: "Le cinque giornate del lavoro", con 25 eventi e oltre cento ospiti, che si terrà da oggi al 29 giugno a Palazzo Reale a Milano. Ospiti, oltre al sociologo Nando Dalla Chiesa, alcuni ex giudici di Milano: Piercamillo Davigo, Antonio Di Pietro, Francesco Greco; e Roberto Scarpinato, del pool Antimafia di Palermo, attuale procuratore generale a Caltanissetta. (segue)

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, Di Maio: da domani al lavoro per futuro governo M5s
Riforme
Referendum, Renzi: ho perso io e mi dimetto, ma senza rimorsi
Riforme
Referendum,Si:respinti rappresentanti no a scrutinio voto estero
Riforme
Referendum, affluenza boom alle urne: alle 19 è già al 57,24%
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari