venerdì 20 gennaio | 15:34
pubblicato il 11/gen/2014 11:12

Lavoro: Vendola, interessati a confronto con Renzi su Jobs Act

Lavoro: Vendola, interessati a confronto con Renzi su Jobs Act

(ASCA) - Roma, 11 gen 2014 - ''Sono interessato a parlare e a confrontarmi con Renzi del Jobs Act, perche' a prescindere dai dettagli, rimette al centro la democrazia e il lavoro. E anche perche' non mi pare che il governo Letta sia in grado di farlo, quando il ministro dell'Economia pensa che ci sia ripresa quando aumentano la disoccupazione e la poverta' assoluta''. Lo afferma Nichi Vendola, presidente di Sinistra Ecologia Liberta', in due interviste che appaiono oggi su Repubblica e L'Unita'.

''Trovo vitale lo stile di Renzi che quotidianamente cerca di rompere la separatezza del Palazzo e di porre nell'agenda politica le questioni che esplodono nella societa'. Sul Jobs Act - prosegue il leader di Sel - la discussione dobbiamo ancora cominciarla, ma in qualche maniera ci spinge a ragionare finalmente di penuria di lavoro, di precarieta' del lavoro e di democrazia sui luoghi di lavoro. Discuteremo. Ci confronteremo ma si ha la sensazione che, vivaddio, il lessico della politica provi a interpellare la vita. Se posso dirlo a favore di Renzi, non si comporta come un pugile suonato di fronte alla virulenza dei populismo ed e' in grado di sfidare e spiazzare Beppe Grillo. Pero'..''. ''Pero' - insiste Vendola - Renzi rischia il logoramento, perche' uno non puo' essere la giovane e brillante immagine di una alternativa possibile e il capo del principale partito di un governo avvitato in mille contraddizioni. Secondo il leader di Sel ''Renzi rischia di logorarsi rapidamente se ogni giorno deve dare una registrata a questo governo dalla natura ambigua e dalla proiezione programmatica altalenante come un dondolo nevrotico e contraddittorio, come sui diritti civili o su come governare una societa' multietnica. Alla fine - conclude Vendola - l'unico collante vero si chiama austerity, e' il rimanere subordinato ai diktat della tecnocrazia europea che stanno listando a lutto la parola Europa, quella specie di superstizione ideologica che ha asfaltato di poverta' le strade dell'Europa, come ben dice Barbara Spinelli, voce meravigliosamente fuori dal coro''.

com-brm/gbt

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Terremoti
Blog Grillo: col cuore in Abruzzo. E' il momento di essere uniti
Pd
Pd, correnti in tensione su voto subito e leadership Renzi
Terremoto
M5s cancella mobilitazione giorno decisione Consulta su Italicum
Craxi
Berlusconi: mi manca Craxi, è stato vittima di un golpe
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
A Unidata gara per frequenze reti radio a larga banda
Sistema Trasporti
Delrio: "Proporrò sconti sugli abbonamenti del trasporto locale"