martedì 06 dicembre | 04:31
pubblicato il 03/giu/2013 17:42

Lavoro: Upi incontra Giovannini, al via ricognizione centri impiego

(ASCA) - Roma, 3 giu - Avviare una ricognizione delle buone pratiche dei Centri per l'impiego delle Province per definire, attraverso un progetto nazionale, che consenta a tutte le realta' territoriali di innalzare gli standard dei servizi pubblici per chi cerca lavoro e per le imprese che lo offrono. E' quanto e' emerso dall'incontro avuto oggi tra il Ministro del Lavoro, Enrico Giovannini, e una delegazione della Presidenza dell'Upi composta dal Presidente del Consiglio Direttivo, Leonardo Muraro, dal Presidente della Provincia di Potenza Piero Lacorazza e dal coordinatore Upi degli assessori Provinciali al lavoro Carlo Chiama, assessore della Provincia di Torino. I dati sull'efficienza dei Centri per l'impiego, hanno spiegato i rappresentanti dell'Upi al Ministro, sono molto variegati e sono fortemente legati alla complessita' delle funzioni che le Regioni hanno assegnato alle Province sul lavoro. In Piemonte, Veneto, Emilia Romagna e Toscana, dove le Province hanno il compito di seguire tutto l'iter dell'occupazione, dalla formazione professionale all'orientamento, fino all'incontro tra domanda e offerta, i disoccupati che trovano lavoro attraverso i centri per l'impiego sono il 20% del totale, una cifra da standard europeo. In queste Regioni le banche dati dei Centri per l'impiego sono connesse a quelle dell'Inps, delle Camere di Commercio, delle Imprese e c'e' un coordinamento costante tra i servizi pubblici e le agenzie private per l'impiego. L'intenzione emersa dall'incontro e' di costruire, a partire da queste eccellenze, un modello ideale da trasferire, sia in termini di mezzi che di competenze su tutto il territorio, per offrire a chi cerca e a chi offre lavoro la piu' alta disponibilita' possibile di scambio di informazioni e conoscenze su tutto il territorio nazionale. Una proposta del Ministero che da' seguito alla richiesta dell'Upi di potenziare e valorizzare le 550 strutture provinciali, per innalzare gli standard qualitativi di un servizio essenziale che deve essere considerato un presidio pubblico irrinunciabile in tutti i territori. com/rus

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Italicum a rischio, è già dibattito sulla nuova legge elettorale
Riforme
Dopo il voto Renzi dimissionario al Colle. Mattarella arbitro
Governo
M5S vuole il voto subito. Ma Di Maio premier non convince tutti
Governo
Stamattina colloquio informale Mattarella-Renzi al Quirinale
Altre sezioni
Salute e Benessere
Diabete, arriva in Italia penna con concentrazione doppia insulina

Roma, 5 dic. (askanews) - Un'iniezione "morbida", più facile, e una penna con il doppio delle unità di insulina disponibili per ridurre il numero di device da gestire: un...

Enogastronomia
Festa a Roma con Heinz Beck per i 30 anni del Gambero Rosso
Turismo
Eden Travel Group, il SalvaVacanza spinge l'advance booking
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Spazio, nuovo successo per il razzo italiano Vega
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari