domenica 22 gennaio | 13:30
pubblicato il 03/giu/2013 17:42

Lavoro: Upi incontra Giovannini, al via ricognizione centri impiego

(ASCA) - Roma, 3 giu - Avviare una ricognizione delle buone pratiche dei Centri per l'impiego delle Province per definire, attraverso un progetto nazionale, che consenta a tutte le realta' territoriali di innalzare gli standard dei servizi pubblici per chi cerca lavoro e per le imprese che lo offrono. E' quanto e' emerso dall'incontro avuto oggi tra il Ministro del Lavoro, Enrico Giovannini, e una delegazione della Presidenza dell'Upi composta dal Presidente del Consiglio Direttivo, Leonardo Muraro, dal Presidente della Provincia di Potenza Piero Lacorazza e dal coordinatore Upi degli assessori Provinciali al lavoro Carlo Chiama, assessore della Provincia di Torino. I dati sull'efficienza dei Centri per l'impiego, hanno spiegato i rappresentanti dell'Upi al Ministro, sono molto variegati e sono fortemente legati alla complessita' delle funzioni che le Regioni hanno assegnato alle Province sul lavoro. In Piemonte, Veneto, Emilia Romagna e Toscana, dove le Province hanno il compito di seguire tutto l'iter dell'occupazione, dalla formazione professionale all'orientamento, fino all'incontro tra domanda e offerta, i disoccupati che trovano lavoro attraverso i centri per l'impiego sono il 20% del totale, una cifra da standard europeo. In queste Regioni le banche dati dei Centri per l'impiego sono connesse a quelle dell'Inps, delle Camere di Commercio, delle Imprese e c'e' un coordinamento costante tra i servizi pubblici e le agenzie private per l'impiego. L'intenzione emersa dall'incontro e' di costruire, a partire da queste eccellenze, un modello ideale da trasferire, sia in termini di mezzi che di competenze su tutto il territorio, per offrire a chi cerca e a chi offre lavoro la piu' alta disponibilita' possibile di scambio di informazioni e conoscenze su tutto il territorio nazionale. Una proposta del Ministero che da' seguito alla richiesta dell'Upi di potenziare e valorizzare le 550 strutture provinciali, per innalzare gli standard qualitativi di un servizio essenziale che deve essere considerato un presidio pubblico irrinunciabile in tutti i territori. com/rus

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Guerini: Bene Prodi. Ora il Mattarellum, è lo strumento migliore
Parma
Pizzarotti: mi ricandido, non lascio un buon lavoro a metà
Terremoti
Terremoto, Finocchiaro: Gentiloni pronto a riferire in Parlamento
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4