domenica 22 gennaio | 21:44
pubblicato il 21/mar/2012 20:54

##Lavoro/ Timore Pd: A che gioco gioca Monti, vuole dividerci?

Il 'sospettaccio' che su riforma si giochi partita per il 'dopo'

##Lavoro/ Timore Pd: A che gioco gioca Monti, vuole dividerci?

Roma, 21 mar. (askanews) - Da settimane Pier Luigi Bersani metteva le mani avanti di fronte all'ipotesi di un Governo che cerca "lo scalpo" dell'articolo 18 da portare come offerta a mercati e Ue, ma il sospetto che circola sempre più con insistenza al vertice democratico è che il presidente del Consiglio possa essere tentato anche da una partita politica tutta 'interna'. L'insistenza e la regolarità con cui Monti e Elsa Fornerno hanno alzato l'asticella sull'articolo 18 ha alimentato quello che qualcuno in casa Pd chiama il "sospettaccio", ovvero che si voglia proprio arrivare a mettere in difficoltà Bersani, costringendolo a rompere 'a sinistra' e preparando così le condizioni per quella prosecuzione delle larghe intese che Pier Ferdinando Casini, forse non a caso, va predicando da tempo. Un sospetto che, secondo Bersani, Monti può fugare solo in un modo: sfruttando l'incontro di domani per correggere la sua proposta o lasciando che in Parlamento il Pd inserisca almeno una modifica significativa. Il punto intorno al quale ruota la controffensiva dei democratici è l'articolo 18: va bene il modello tedesco, non quello "sovietico", aveva attaccato ieri sera il responsabile economia Stefano Fassina. Dunque, sui licenziamenti per motivi economici si deve consentire al giudice di scegliere tra indennizzo o reintegro, prevedere solo il risarcimento in denaro è uno "schiaffo al Pd". Uno schiaffo che, viene fatto notare, alla fine per la Cgil non è neanche troppo un problema: Susanna Camusso convoca i suoi scioperi e si ricompatta con la Fiom, il 'cerino' resta invece in mano al Pd, che a quel punto troverebbe un fossato incolmabile tra sé e il mondo della sinistra, dalla Cgil a Sel di Nichi Vendola. Su questo, ha ricordato sibillino D'Alema "il Parlamento è sovrano". Un'affermazione che, secondo quanto riferisce qualcuno, non è solo la sottolineatura di un fatto scontato: significa che, viene spiegato dal Pd, "presenteremo le nostre modifiche e pensiamo che in Parlamento ci siano i voti per approvarle". Ovvero, noi daremo battaglia e vediamo se sommando i voti di 'chi ci sta' non si trovi la maggioranza per far passare le modifiche. Un avvertimento chiaro, al presidente del Consiglio. (segue)

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Nato
Emiliano: Trump ignora la Nato? Potremmo rinegoziare trattati
Pd
Emiliano: se qualcuno apre il congresso mi candido segretario Pd
Terremoti
Terremoto, Finocchiaro: Gentiloni pronto a riferire in Parlamento
Altre sezioni
Salute e Benessere
Nuove postazioni di telemedicina italiana no profit in Africa
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4