mercoledì 22 febbraio | 11:37
pubblicato il 12/mar/2014 20:26

Lavoro: Sel, da Renzi troppo poco per combattere disoccupazione

Lavoro: Sel, da Renzi troppo poco per combattere disoccupazione

(ASCA) - Roma, 12 mar 2014 - ''Dovendo giudicare l'originalita' di un Consiglio dei Ministri che approva un'informativa rimuovendo gran parte del Job Act che viene rinviato nel tempo, di cui non conosciamo il dettaglio delle coperture e la loro attendibilita', non si puo' non vedere che gli interventi proposti sono ancora insufficienti per aggredire la disoccupazione e creare nuova occupazione''. Lo afferma Giorgio Airaudo, responsabile lavoro e politiche industriali della segreteria nazionale di Sel, commentando le misure approvate dal Consiglio dei Ministri.

Per Airaudo, ''la concentrazione delle risorse sull'IRPEF e' importante perche' agisce sul reddito dei lavoratori piu' deboli e lenisce le tante situazioni di difficolta', ma non crea direttamente posti di lavoro. E' utile a mantenere il lavoro che c'e', pero' e' grave che non si affronti il problema dei pensionati e delle finte partite Iva, cioe' di tutti quei lavoratori costretti ad aprire una partita Iva anche se lavorano come parasubordinati. Se non si trovano soluzioni per sostenere anche queste due fascie di popolazione si rischiano nuove disuguaglianze''. Per Sinistra Ecologia Liberta', continua Airaudo, ''resta prioritaria la creazione di nuova occupazione, anche attraverso l'intervento pubblico come datore di ultima istanza. Gli interventi di spesa pubblica per le aziende devono essere sotto forma di contributi e di sgravi fiscali, legati all'incremento dell'occupazione netta. Sel non e' contraria al confronto sull'istituzione di contatto unico, ma a condizione che prima vengano cancellati tutti quei contratti che hanno precarizzato e reso incerto e instabile il lavoro.

L'eventuale istituzione di contatto unico deve comunque prevedere la ricostruzione dei diritti fondamentali. E in ogni caso resta urgente e prioritario istituire uno strumento universale, per tutti e tutte, come il reddito minimo garantito''.

Sel si aspettava, continua Airaudo, ''un intervento che riconoscesse l'esigenza di abbassare l'eta' pensionabile stabilita dall'ingiusta riforma Fornero, che ponga fine all'agonia degli esodati. Manca poi, l'impegno annunciato, di una legge sulla rappresentanza che riconosca finalmente, a partire dalla certificazione degli iscritti e della rappresentativita' sindacale, anche il diritto di voto delle lavoratrici e dei lavoratori sugli atti contrattuali. E', infine, necessario aggredire le crisi aperte, dall'Electrolux alla Franco Tosi, dalla Agrati alla Indesit senza dimenticare Termini Imerese e Irisbus, andando oltre i tavoli del Mise e mettendo in campo l'impegno diretto di Palazzo Chigi nella gestione delle crisi industriali su settori strategici come energia, mobilita' e trasporti. Insomma - conclude - il premier si prende impegni ma non ci mostra i conti''.

com-fdv

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd nomina commissione congresso, Emiliano si candida a primarie
Consip
Di Maio: Renzi vuoti il sacco su donazione da Alfredo Romeo
Pd
Di Maio (M5s): elettori Pd disorientati, guardano a noi
Pd
Speranza: Emiliano resta nel Partito di Renzi, noi no
Altre sezioni
Salute e Benessere
Percorso rapido per emergenze al Fatebenefratelli Roma
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Verso candidatura cultura del tartufo a patrimonio Unesco
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Elicotteri italiani AW-139 in Pakistan, nuovo ordine per Leonardo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Al via a Verona Transpotec: espositori in crescita + 20%