mercoledì 07 dicembre | 18:24
pubblicato il 12/mar/2014 20:26

Lavoro: Sel, da Renzi troppo poco per combattere disoccupazione

Lavoro: Sel, da Renzi troppo poco per combattere disoccupazione

(ASCA) - Roma, 12 mar 2014 - ''Dovendo giudicare l'originalita' di un Consiglio dei Ministri che approva un'informativa rimuovendo gran parte del Job Act che viene rinviato nel tempo, di cui non conosciamo il dettaglio delle coperture e la loro attendibilita', non si puo' non vedere che gli interventi proposti sono ancora insufficienti per aggredire la disoccupazione e creare nuova occupazione''. Lo afferma Giorgio Airaudo, responsabile lavoro e politiche industriali della segreteria nazionale di Sel, commentando le misure approvate dal Consiglio dei Ministri.

Per Airaudo, ''la concentrazione delle risorse sull'IRPEF e' importante perche' agisce sul reddito dei lavoratori piu' deboli e lenisce le tante situazioni di difficolta', ma non crea direttamente posti di lavoro. E' utile a mantenere il lavoro che c'e', pero' e' grave che non si affronti il problema dei pensionati e delle finte partite Iva, cioe' di tutti quei lavoratori costretti ad aprire una partita Iva anche se lavorano come parasubordinati. Se non si trovano soluzioni per sostenere anche queste due fascie di popolazione si rischiano nuove disuguaglianze''. Per Sinistra Ecologia Liberta', continua Airaudo, ''resta prioritaria la creazione di nuova occupazione, anche attraverso l'intervento pubblico come datore di ultima istanza. Gli interventi di spesa pubblica per le aziende devono essere sotto forma di contributi e di sgravi fiscali, legati all'incremento dell'occupazione netta. Sel non e' contraria al confronto sull'istituzione di contatto unico, ma a condizione che prima vengano cancellati tutti quei contratti che hanno precarizzato e reso incerto e instabile il lavoro.

L'eventuale istituzione di contatto unico deve comunque prevedere la ricostruzione dei diritti fondamentali. E in ogni caso resta urgente e prioritario istituire uno strumento universale, per tutti e tutte, come il reddito minimo garantito''.

Sel si aspettava, continua Airaudo, ''un intervento che riconoscesse l'esigenza di abbassare l'eta' pensionabile stabilita dall'ingiusta riforma Fornero, che ponga fine all'agonia degli esodati. Manca poi, l'impegno annunciato, di una legge sulla rappresentanza che riconosca finalmente, a partire dalla certificazione degli iscritti e della rappresentativita' sindacale, anche il diritto di voto delle lavoratrici e dei lavoratori sugli atti contrattuali. E', infine, necessario aggredire le crisi aperte, dall'Electrolux alla Franco Tosi, dalla Agrati alla Indesit senza dimenticare Termini Imerese e Irisbus, andando oltre i tavoli del Mise e mettendo in campo l'impegno diretto di Palazzo Chigi nella gestione delle crisi industriali su settori strategici come energia, mobilita' e trasporti. Insomma - conclude - il premier si prende impegni ma non ci mostra i conti''.

com-fdv

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
L.Bilancio
L.Bilancio, governo pone fiducia in aula Senato su art.1
Fi
Fi, Berlusconi ricoverato. Zangrillo: stress, a breve dimesso
Pd
Pd, Orfini: ok sostegno militanti ma sia senza rabbia
Governo
Mattarella frena corsa al voto,prima sistema elettorale uniforme
Altre sezioni
Salute e Benessere
Robot indossabile ridà capacità di presa a persone quadriplegiche
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni