domenica 04 dicembre | 20:13
pubblicato il 02/mag/2013 13:39

Lavoro: Saitta (Upi), tenere insieme sviluppo e occupazione

(ASCA) - Roma, 2 mag - ''Per rimettere il lavoro al centro delle priorita' dell'azione di governo bisogna puntare su politiche pubbliche capaci di fare crescere le opportunita' di incontro tra domanda e offerta di lavoro''. Lo dichiara il Presidente dell'Upi, Antonio Saitta ricordando come ''ieri i sindacati unitariamente nelle piazze e il Presidente Letta nel suo discorso programmatico, hanno sottolineato la necessita' di tenere insieme lo sviluppo territoriale e la crescita occupazionale. Ma tra gli strumenti piu' utili ad aiutare chi cerca lavoro c'e' l'orientamento, la formazione, il raccordo diretto con le imprese. Tutte attivita' che sono tipiche degli oltre 550 centri per l'impiego gestiti dalle Province, che svolgono in tutta Italia le funzioni di erogazione dei servizi per l'informazione, l'orientamento e l'inserimento al lavoro, l'assistenza e la consulenza gratuita per chi intende mettersi in proprio. Ogni anno circa 2.400.000, tra cittadini ed imprese, si rivolgono a questi uffici pubblici per richiedere servizi che riguardano il lavoro e l'accesso agli incentivi. Ma da anni ormai su questi servizi strategici i Governi che si sono susseguiti hanno scelto di non investire. Un errore - sottolinea Saitta - che ha indebolito un sistema che va invece potenziato. Siamo pronti a parlarne da subito con il Ministro del Lavoro Enrico Giovannini - prosegue il Presidente dell'Upi - per offrire il nostro contributo di proposte per una strategia comune che miri a migliorare il servizio e a garantire livelli essenziali su tutto il territorio nazionale. Bisogna definire una gamma fondamentale dei servizi che tutti i centri per l'impiego devono erogare, omogenea e garantita a livello nazionale. Ma bisogna anche utilizzare questi centri, cui le imprese si rivolgono per chiedere le professionalita' di cui necessitano, per definire i reali fabbisogni di professionalita' necessari sui territori cosi' da metter e in campo programmi di formazione strettamente legati alla domanda di lavoro locale. Altrimenti la formazione non sara' davvero propedeutica all'inserimento professionale. Si tratta di scegliere - conclude Saitta - se investire su politiche di sostegno alla crescita anche personale di chi cerca occupazione, o preferire lasciare solo chi perde il proprio posto di lavoro o non riesce a trovarne uno''. com/rus

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, seggi aperti in tutta Italia: sì o no a riforma Renzi
Riforme
Referendum,Si:respinti rappresentanti no a scrutinio voto estero
Riforme
Referendum, Viminale assicura: matite copiative sono indelebili
Riforme
Referendum,voto cattolico plurale:da no Family day a sì gesuiti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari