domenica 04 dicembre | 19:39
pubblicato il 12/apr/2013 14:33

Lavoro: saggi, rifinanziare ammortizzatori e affrontare tema esodati

(ASCA) - Roma, 12 apr - I sei 'saggi' del gruppo di lavoro in materia economico-sociale ed europea hanno individuato 11 proposte principali, a cominciare dal destinare qualunque sopravvenienza finanziaria all'emergenza lavoro e al sostegno delle persone e delle famiglie in grave difficolta' economica. Accanto a questo e' necessario rifinanziare gli ammortizzatori sociali in deroga ed affrontare la grave questione dei cosiddetti esodati. Fra le proposte consegnate oggi al Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, anche il riconoscimento di un credito d'imposta ai lavoratori a bassa retribuzione (fra i quali e' maggiore la quota di giovani), che si trasformi in sussidio monetario se eccede l'imposta dovuta. Indispensabile poi, secondo il gruppo di lavoro, favorire il lavoro femminile, potenziando, tra l'altro, il telelavoro e gli strumenti per migliorare la conciliazione dei tempi di lavoro e di cura familiare e realizzare l'alternanza scuola lavoro, anche per gli universitari. Vengono, inoltre, proposti modi per stabilizzare e ampliare l'agevolazione fiscale della ''retribuzione di produttivita''. Altra proposta avanzata dai 'saggi' e' la definizione del nuovo ISEE (indicatore della situazione economica equivalente), gia' all'esame dalla Conferenza Stato Regioni, da cui dipendono molti benefici e prestazioni sociali. Nella relazione si sollecita poi ad emanare i decreti attuativi del Casellario dell'assistenza gia' previsto dalla legge al fine di meglio identificare i destinatari degli interventi ed evitare distorsioni dovuta al cumulo delle prestazioni.

Infine, dal gruppo di lavoro arriva la proposta di valutare le diverse ipotesi relative all'eventuale introduzione di un reddito minimo di inserimento, da inserire in un quadro complessivo di revisione dell'assistenza. Infine la necessita' di migliorare le relazioni industriali disciplinando la rappresentativita' sindacale, la partecipazione dei lavoratori nell'impresa, ecc. e favorendo sul piano fiscale l'azionariato dei lavoratori. Accanto a queste misure, il gruppo di lavoro ha affrontato anche il tema del potenziamento dell'istruzione ed il capitale umano individuando due misure concrete. In primo luogo sono stati proposti modi per contrastare il grave fenomeno dell'abbandono scolastico e sostenere il diritto allo studio.

Inoltre vengono suggerite misure per promuovere la digitalizzazione delle scuole e la cultura dei ''dati aperti''.

brm/sam/alf

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, seggi aperti in tutta Italia: sì o no a riforma Renzi
Riforme
Referendum,Si:respinti rappresentanti no a scrutinio voto estero
Riforme
Referendum,voto cattolico plurale:da no Family day a sì gesuiti
Riforme
Referendum, Viminale assicura: matite copiative sono indelebili
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari