sabato 25 febbraio | 17:13
pubblicato il 12/apr/2013 12:00

Lavoro/ Saggi: E' principale emergenza, via maestra sviluppo equo

Governi attivino fattori facilitatori

Lavoro/ Saggi: E' principale emergenza, via maestra sviluppo equo

Roma, 12 apr. (askanews) - "La principale emergenza che ci troviamo oggi ad affrontare" è "quella del lavoro e della conseguente crescita della povertà" e "lo sviluppo economico equo e sostenibile è la via maestra". E' quanto scrivono i 'saggi' nella relazione conclusiva del gruppo di lavoro in materia economico-sociale ed europea. "Nessuno deve illudersi - si spiega - lo sviluppo lo fanno gli imprenditori e i lavoratori, non i governi ma i governi possono agire sui presupposti dello sviluppo, attivare fattori facilitatori". "In questa fase - si conclude - qualunque politica economico-sociale per l'Italia deve rispondere a tre obiettivi immediati imprescindibili: il mantenimento della coesione sociale, la tutela dei risparmiatori, il rispetto della Costituzione italiana e delle regole dell'Unione europea".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Centrosinistra
D'Alema: con Orlando segretario Pd si riaprirebbe dialogo
Pd
Pd, commissione unanime: primarie 30 aprile. Renziani: via alibi
Pd
Pd, Cuperlo: calendario congresso è errore, voto negativo
Pd
Pd, Rosato: carte bollate? Emiliano si occupi di contenuti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech