sabato 03 dicembre | 12:49
pubblicato il 18/set/2014 09:38

Lavoro: Sacconi (Ncd), reintegro e' superato. Mi fido di Renzi

(ASCA) - Roma, 18 set 2014 - ''E' la migliore soluzione che io potessi auspicare. Non solo come parte politica, ma come persona che ha vissuto un lungo periodo di riforma del lavoro, segnato dalla vicenda tragica di Marco Biagi, dalla sua idea di cambiare lo Statuto dei lavoratori''. Lo afferma in un'intervista al Corriere della Sera Maurizio Sacconi, Ncd, presidente della commissione Lavoro al Senato e gia' ministro del Lavoro che non ha mai fatto mistero del suo desiderio di abolire l'art. 18 dello Statuto. ''Il Jobs act, come emendato dal governo - ha spiegato - consegna ad esso la possibilita' di scrivere quel testo unico semplificato, a riforma dello Statuto dei lavoratori, che avevamo auspicato, cambiando tre articoli-chiave: il 4 (controlli a distanza), il 13 (mansioni) e il 18 (licenziamento). Un terno secco''.

La delega quindi ''ora e' molto chiara. Certo il diavolo puo' stare nei particolari, e il diavolo qui sono i decreti legislativi che seguiranno...''. In ogni caso, ha chiarito Sacconi, ''io mi fido di Renzi. In un'intervista disse che riformare l'articolo 18 e' ''la direzione di marcia'', nel discorso sui Millegiorni alle Camere e' stato esplicito. E mi fido anche perche' tutte le istituzioni sovranazionali attendono dall'Italia questo cambiamento di verso: Bce, commissione Ue, Ocse, Fondo monetario''. Sacconi ha spiegato che la formula adoperata nella delega portera' con certezza all'abolizione dell'articolo 18, cioe' del diritto al reintegro, ''non solo perche' sono messi in discussione i tre articoli-chiave dello Statuto dei lavoratori ma anche perche' nello specifico, sul 18, e' cambiata la formula contenuta nella delega''. Prima, ha aggiunto, ''si parlava di contratto d'inserimento, evocando due fasi del rapporto di lavoro, quella iniziale di apprendimento e quella successiva a regime. Ora invece si parla del tipico contratto a tempo indeterminato che diventa a tutele crescenti. Dove per queste s'intende che l'indennizzo in caso di licenziamento sara' proporzionato all'anzianita' di servizio. Sparisce il reintegro. Non abbiamo discusso poco su questa formula e il compromesso raggiunto con il governo sta nel fatto che questo nuovo contratto riguardera' solo le nuove assunzioni, indipendentemente dall'eta'''.

red-fdv

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Politici, vip e costituzionalisti, tutti divisi al referendum
Riforme
Referendum, Renzi: con Mattarella italiani sono in ottime mani
Riforme
Referendum, Grillo: se perdiamo contro il mondo va bene lo stesso
Riforme
Referendum, Berlusconi: con voto a matita possibili i brogli
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari