martedì 21 febbraio | 04:55
pubblicato il 23/dic/2013 14:50

Lavoro: Sacconi, jobs act, questo sconosciuto

Lavoro: Sacconi, jobs act, questo sconosciuto

(ASCA) - Roma, 23 dic - ''Il confronto sulla riforma del lavoro dovra' presto atterrare rispetto alle vaghe dichiarazioni di principio e alle promesse impossibili. Basta pensare ai circa 30 miliardi di euro su base annua necessari per portare l'indennita' di disoccupazione a 24 mesi. Eppure gli interventi per il lavoro dovrebbero essere ragione fondamentale di sopravvivenza della legislatura nel 2014''.

Lo afferma il capogruppo del Nuovo centrodestra al Senato, Maurizio Sacconi. ''Noi siamo pronti con due disegni di legge. L'uno riferito alle misure urgenti di deregolazione e alla promozione delle politiche attive di reimpiego. L'altro per la sostituzione dello Statuto dei lavoratori con un moderno Statuto dei lavori semplice perche' sussidiario in favore della contrattazione aziendale e individuale certificata - prosegue - . L'importante e' cominciare a parlarne davvero.

Altrimenti, diventerebbe inevitabile il sospetto che si possa trattare solo di propaganda per un voto anticipato''. com-njb

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
M5s
Vertici M5s a Roma, possibile incontro Grillo-Raggi in Campidoglio
Pd
Enrico Letta: Pd non può finire così, attonito da cupio dissolvi
Elezioni
Blog Grillo: pazienza italiani ha un limite, lasciateci votare
Pd
Ultime ore per arginare la scissione nel Pd, occhi su Emiliano
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
Verona Fiere, Evoo Days, al via il primo forum per filiera olio
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
Onde gravitazionali, inaugurato a Cascina l'Advanced Virgo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia