domenica 04 dicembre | 20:09
pubblicato il 12/nov/2013 20:15

Lavoro: Pd, bene vertice Ue a Roma. Definire misure innovative

(ASCA) - Roma, 12 nov - ''Ottima notizia il vertice Ue sul lavoro a Roma. Abbiamo alcuni mesi per definire misure innovative per tornare ad includere nel percorso formativo/lavorativo i cosiddetti NEET, per affrontare un vero e credibile piano per l'occupazione femminile, per invertire la tendenza sull'occupabilita' delle persone con disabilita'. L'Italia deve potersi confrontare con gli altri Paesi a testa alta aggredendo queste tre grandi questioni che ci vedono fanalino di coda in Europa e caratterizzano in modo impressionante l'impoverimento della popolazione italiana''.

Lo dichiara in una nota Cecilia Carmassi, responsabile Lavoro e Politiche Sociali del Partito Democratico.

''Nel fare questo dobbiamo definire un piano di trasformazione e rilancio dei centri per l'impiego riducendo il carico burocratico ed aumentando la capacita' di presa in carico globale della persona che deve essere orientata e accompagnata nel percorso di inserimento lavorativo'', conclude Carmassi.

com/vlm

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, seggi aperti in tutta Italia: sì o no a riforma Renzi
Riforme
Referendum,Si:respinti rappresentanti no a scrutinio voto estero
Riforme
Referendum, Viminale assicura: matite copiative sono indelebili
Riforme
Referendum,voto cattolico plurale:da no Family day a sì gesuiti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari