venerdì 24 febbraio | 22:48
pubblicato il 13/feb/2012 15:16

Lavoro/ Napolitano: Serve accordo, ma non interferisco

Non faccio appelli né moniti, pongo problemi

Lavoro/ Napolitano: Serve accordo, ma non interferisco

Roma, 13 feb. (askanews) - "Serve un accordo tra sindacati e Governo sulla riforma del mercato del lavoro ma io non voglio interferire, convinto che ci sia senso di responsabilità". Lo ha detto il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano al termine dell'incontro con il presidente tedesco Christian Wulff. rispondendo alle domande dei giornalisti che chiedono se voglia lanciare un appello in vista della trattativa sulla riforma del mercato del lavoro. "Vorrei non si dicesse ogni giorno che lancio un appello o un monito - ha precisato il capo dello Stato - io pongo problemi, pongo il problema di un accordo valido tra le forze sociali, i sindacati e il Governo". Napolitano ha aggiunto comunque di confidare nel "senso di responsabilità" di tutti i soggetti coinvolti e nella chiarezza degli "obiettivi per dare fiducia nella crescita del Paese".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Centrosinistra
D'Alema: con Orlando segretario Pd si riaprirebbe dialogo
Ncd
Alfano: i moderati tornino uniti contro il populismo
Governo
Guerini: assurdo legare data primarie Pd a elezioni politiche
Campidoglio
Grillo: forza Virginia, giornalisti rispettino privacy Raggi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech