venerdì 09 dicembre | 09:01
pubblicato il 02/apr/2012 20:16

Lavoro/ Napolitano difende riforma Governo: a breve il ddl

E'pensata proprio per crescita e occupazione.Problema stagnazione

Lavoro/ Napolitano difende riforma Governo: a breve il ddl

Amman, 2 apr. (askanews) - Non era sua intenzione parlare di riforma del mercato del lavoro italiano da Amman. Ma alla fine Giorgio Napolitano cede, trascinato dalla domanda di un cronista. Tanto più che la Giordania, paese che visita fino a domani invitato da re Abdallah II, è pure impegnata in un processo di riforme (compresa quella della legge elettorale) che puntano ad una maggiore democrazia. Con le dovute differenze, le similitudini con l'Italia non mancano. In conferenza stampa all'hotel 'Four Season', al capo dello Stato viene chiesto se la modifica dell'articolo 18 prospettata dal governo Monti possa favorire l'occupazione, anche alla luce degli ultimi dati allarmanti dell'Istat sulla disoccupazione in Italia. E' il 'la' che Napolitano sfrutta per difendere la bontà del progetto dell'esecutivo. La cura proposta da Palazzo Chigi è a fin di bene. Il testo Fornero, con la modifica dell'articolo 18, è nato "nella convinzione che ciò possa agevolare la crescita degli investimenti in Italia", spiega Napolitano. Dunque, secondo il capo dello Stato, non reggono le critiche secondo cui, così facendo, l'esecutivo non si occupa di crescita. Perché è esattamente questo il modo per occuparsene. In una frase: il governo ritiene che "l'ostacolo" a "nuove prospettive per l'occupazione" stia nella "situazione non soddisfacente, molto farraginosa che si è venuta a determinare nell'ambito del mercato del lavoro". Articolo 18 compreso. Ad Amman Napolitano annuncia che il ddl governativo sarà pronto a giorni e che già domani sera se ne occuperà, fermo restando che sta al premier Monti limare il testo con Fornero e gli altri ministri interessati per poi sottoporlo alla firma al capo dello Stato, in modo che ne venga autorizzato il passaggio parlamentare. In ogni caso, non servono falsi miti, sembra voler dire il presidente della Repubblica quando cita l'esempio della vertenza Alcoa, che giorni fa si è conclusa a Palazzo Chigi con l'impegno dell'azienda a garantire la produzione fino al 31 dicembre.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
Pontassieve riaccoglie Renzi: "non molli ora, deve andare avanti"
Governo
Mattarella apre consultazioni,l'arbitro silente debutta in campo
Governo
Renzi domani torna a Roma, oggi pranzo dal padre e poi a Messa
Governo
Crisi, Grillo: elezioni subito senza scuse, legge elettorale c'è
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni