giovedì 08 dicembre | 23:18
pubblicato il 20/mar/2012 17:50

Lavoro/ Monti propone: No accordo, ma verbale su cui faremo ddl

"Lo presenteremo in Parlamento che è interlocutore principale"

Lavoro/ Monti propone: No accordo, ma verbale su cui faremo ddl

Roma, 20 mar. (askanews) - Più che alla ricerca di un accordo su un documento di tipo contrattuale, Mario Monti imposta la riunione con le parti sociali con l'obiettivo di verbalizzare le varie posizioni al tavolo, sia in accordo che in disaccordo, su cui poi basare la costruzione del testo che il governo porterà all'esame del Parlamento, "interlocutore principale" dell'esecutivo. E' quanto riferiscono fonti sindacali presenti al tavolo. "L'obiettivo di questa riunione, che spero sia conclusiva - avrebbe detto Monti secondo quanto riferiscono le fonti - sarà la verbalizzazione delle varie posizioni di accordo e di disaccordo, più che pensare a un documento contrattuale. Un verbale che costituirà la base di proposta che il governo successivamente presenterà al Parlamento che rimane l'interlocutore principale del governo".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
Pontassieve riaccoglie Renzi: "non molli ora, deve andare avanti"
Governo
Mattarella apre consultazioni,l'arbitro silente debutta in campo
Governo
Crisi, Grillo: elezioni subito senza scuse, legge elettorale c'è
Governo
Renzi domani torna a Roma, oggi pranzo dal padre e poi a Messa
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni