domenica 11 dicembre | 15:19
pubblicato il 25/mar/2012 13:07

Lavoro/ Monito Camusso a Monti: Paese con noi, va cambiata rotta

Temo tensione salirà. Casini: Avanti così e Governo rischia

Lavoro/ Monito Camusso a  Monti: Paese con noi, va cambiata rotta

Roma, 25 mar. (askanews) - "Il rischio che la tensione salga c'è, perché si continua nell'idea che si possa dividere il Paese". Ma ormai non sono solo i lavoratori, "ma gran parte del Paese a riconoscere come noi come sia sbagliato pensare di ridurre le tutele in questa stagione di crisi". E quindi "ci auguriamo che il Parlamento dia ascolto a queste volontà" e faccia "cambiare rotta al Governo". Non si è fatta attendere la replica della leader Cgil Susanna Camusso, all'indomani del duro intervento del Premier Mario Monti sulla intangibilità del testo di riforma del lavoro del Governo, soprattutto "da parte di incursisoni esterne". "Questa strana formula, 'salvo intese' - aveva precisato al forum di Confcommercio dopo aver pranzato con la stessa Camusso - significa salvo intese tra i membri del Governo e il Capo dello Stato. Nessuno si illuda che forze importanti, che abbiamo consultato, ma esterne al governo, possano intervenire per modificarne i contenuti". Un altolà frutto delle sue convinzioni sulle origini dei tanti "mali" dell'Italia ai quali il suo Governo è stato chiamato a rimediare. Se oggi i politici sperano che i tecnici possano fare cose che la politica in passato non è riuscita a fare per decenni, ha detto a Villa d'Este, è "perché abbiamo ascoltato troppo le categorie in passato". Una valutazione che non vuole però essere un'ingiunzione di resa diretta ai sindacati: "A mio giudizio e a giudizio del mio Governo - ha aggiunto - le parti sociali, senza il cedolino del diritto di veto, sono importanti forse più di prima. Sono corpi intermedi con una funzione essenziale, ma al loro posto". Il braccio di ferro Governo-Cgil non può non riflettersi nella maggioranza, tanto più alla vigilia della direzione del Pd in programma domani dove il partito si 'conterà' sulla linea di Bersani e il rapporto con la Cgil. Se si continua così "il governo prima o poi entra in crisi sul serio", ha ammonito il leader dell'Udc Pier Ferdinando Casini. "Noi - ha aggiunto- siamo impegnati dal mattino alla sera a fare gli sminatori per cercare di fare andare avanti tranquillo l'esecutivo perché c'é chi tira da una parte e chi tira dall'altra. Se si continua così - ha proseguito - il Governo prima o poi entra in crisi sul serio e sarebbe un atto di irresponsabilità allo stato puro. Oggi - ha concluso - è il momento di stare vicini a questo Governo, di aiutarlo e di superare anche le difficoltà che ci sono".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
## Renzi si ritira, "Doloroso, ma necessario"
Governo
Renzi al Pd esclude restare,Gentiloni tiene ma partita non chiusa
Governo
Al via totoministri, possibili conferma Boschi e arrivo Fassino
Governo
Di Maio:no M5s altri governi,Renzi dovrebbe sparire da politica
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Le tecnologie spaziali che aiutano la sostenibilità
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina