mercoledì 07 dicembre | 23:23
pubblicato il 30/set/2014 19:45

Lavoro, minoranza Pd mantiene emendamenti. Renzi: gente e' con me

(ASCA) - Roma, 30 set 2014 - All'indomani della Direzione del Pd che ha confermato una larga maggioranza alla linea di Matteo Renzi, il presidente del Consiglio si mostra ottimista sull'esito dell'iter della delega in Senato. "Credo che la gente stia dalla nostra parte, non dalla parte dei sindacati", ha detto il premier. Ma intanto la minoranza Pd ha confermato gli emendamenti presentati per modificare la proposta del governo. Governo che si appresta a presentare a sua volta una proposta di modifica che traduca in norme la posizione della Direzione. L'emendamento potrebbe essere presentato gia' nei prossimi giorni e comunque le votazioni sulla riforma non inizieranno prima di martedi' prossimo. Su un altro punto il presidente del Consiglio e' stato perentorio: l'approvazione per l'8 ottobre, quando si terra' a Milano il vertice Ue sul lavoro al quale Renzi vuole portare 'in dote' il primo passo verso il nuovo sistema del mercato del lavoro italiano. Ma il voto di ieri in Direzione ha soprattutto segnato una spaccatura dell'opposizione interna che rende piu' forte il segretario. A votare contro sono rimasti in 20, i civatiani e le 'vecchie guardie', Massimo D'Alema e Pier Luigi Bersani, con Stefano Fassina e Francesco Boccia. Mentre si sono astenuti gli esponenti della nuova classe dirigente di area riformista guidata da Roberto Speranza. "Ogni volta che D'Alema parla guadagno un punto percentuale nei sondaggi... Se non ci fosse andrebbe inventato", e' stato infatti il caustico commento di Renzi a "Ballaro'", dopo il duro dibattito di ieri. La spaccatura della minoranza infatti rende meno preoccupanti i numeri al Senato, dove la maggioranza di governo ha solo 7 voti di vantaggio e quindi e' fondamentale che il dissenso dem sia contenuto. "Ora mi aspetto che i gruppi seguano le indicazioni della Direzione come e' gia' avvenuto in passato", ha avvertito il vicesegretario Lorenzo Guerini. Oggi l'assemblea dei senatori Pd ha registrato delle prime aperture da parte dei dissidenti come Vannino Chiti e alcuni bersaniani. Fonti Pd ritengono infatti che sul voto finale anche chi oggi e' critico possa rientrare nei ranghi e che alla fine i voti che potranno mancare si conterano sulle dita di una mano e dunque non sara' indispensabile quel temuto 'soccorso azzurro' che per Renzi aprirebbe evidentemente "un problema politico". Peraltro le modifiche decise ieri in Direzione, in particolare il reintegro per motivi disciplinari ha sollevato parecchie critiche proprio da destra, sia da Fi che dagli alleati di Ncd. E' proprio questo il punto che fa cantare vittoria all'ala sinistra dialogante del Pd dei Giovani turchi. In ogni caso, "per il momento" gli emendamenti al ddl lavoro sul jobs act "restano, non li ritiriamo. Aspettiamo di conoscere e vedere quella che ci sara' scritto sull'emendamento annunciato dall'esecutivo", hanno spiegato Federico Fornaro e Maria Cecilia Guerra, firmatari degli emendamenti della minoranza dem al Jobs act. L'attenzione infatti si sposta ora sulla traduzione che verra' fatta in termini normativi della linea politica decisa ieri e in particolare sulle risorse effettivamente a disposizione per gli ammortizzatori sociali da estendere e sul numero delle tipologie contrattuali. Inoltre per l'art.18 la minoranza vuole capire se le annunciate modifiche si applicheranno solo ai nuovi assunti oppure riguarderanno tutti i lavoratori. Si tratta di un numero rilevante, pari a circa 8 milioni. "Se si applicassero solo ai neoassunti si verrebbe a creare un doppio binario", spiega Fornaro. Quanto alle risorse, "vogliamo capire se questo miliardo e mezzo annunciato dal premier Renzi e' aggiuntivo rispetto ai fondi per la Cig in deroga oppure no". Perche' un miliardo e mezzo, ha sottolineato il senatore, "rappresentano meno di 100 euro netti al mese per 178 mila persone, piu' o meno la platea interessata alla Cig in deroga. Dove sarebbero allora le risorse per gli altri?". Oltre a quesati due aspetti principali i senatori ricordano quindi i temi dei voucher, del demansionamento, e del controllo a distanza. Gal

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Fi
Fi, Berlusconi ricoverato. Zangrillo: stress, a breve dimesso
L.Bilancio
L.Bilancio, governo pone fiducia in aula Senato su art.1
Pd
Pd, Orfini: ok sostegno militanti ma sia senza rabbia
Governo
Consultazioni Mattarella fino a sabato, chiudono Fi M5s e Pd
Altre sezioni
Salute e Benessere
Robot indossabile ridà capacità di presa a persone quadriplegiche
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni