venerdì 02 dicembre | 21:10
pubblicato il 23/mar/2012 21:07

Lavoro/ Linea dura di Bersani: Non si può dire no solo a noi

Il segretario 'fa quadrato' con Bindi e D'Alema

Lavoro/ Linea dura di Bersani: Non si può dire no solo a noi

Roma, 23 mar. (askanews) - Almeno per ora, Pier Luigi Bersani esce dall'angolo e incassa l'apertura del Governo alla possibilità di modifiche parlamentari sul punto cruciale della riforma del mercato del lavoro, l'articolo 18. Il leader Pd aveva vissuto l'affondo del Governo sui licenziamenti per motivi economici come un attacco al partito e quel 'il nostro sì non è in discussione' pronunciato a caldo dal vice-segretario Enrico Letta aveva accresciuto i cattivi pensieri sul fatto che si stesse giocando una partita politica ai danni del Pd, su questo fronte. Per questo Bersani ha scelto la linea dura, trovando il "non scontato" (parole di un deputato Pd) sostegno di Massimo D'Alema e la più prevedibile solidarietà di Rosy Bindi: noi siamo leali, ma se si gioca contro il Pd, il Pd reagisce, è stato il messaggio recapitato pubblicamente e privatamente al presidente del Consiglio e al capo dello Stato. L'allarme al Pd era arrivato al massimo livello di allerta, come dimostra l'editoriale pubblicato ieri dall'Unità nel quale si esponeva chiaramente l'ipotesi di una manovra politica del 'partito di Monti' per costringere il Pd a rompere con la Cgil e Sel sul mercato del lavoro. Un attacco che, se fosse vero, per il Pd sarebbe inaccettabile. Per questo Bersani ha oggi mandato segnali molto chiari: "Su tutti i decreti che sono arrivati ovviamente il Parlamento è intervenuto, ha sempre modificato qualcosa", ha detto. Ovvero: non è possibile che le liberalizzazioni vengano ridimensionate dalle lobby e dal centrodestra, mentre su pensioni e lavoro il Governo "tira dritto". E ancora rivolto all'establishment, ma anche al Governo: "Tutti quelli che pensano che ci inventeremo un'altra 'eccezionalità italiana', qualcos'altro: attenzione, giocate col fuoco. Può venir fuori qualcosa che assomiglierà più al populismo che alla democrazia, una cosa che manda a casa sia i politici che i tecnici. Non si può dare punture di spillo o cercare di azzoppare chi sta cercando di tenere insieme questo Paese". Concetti ripetuti dal segretario anche al capo dello Stato, oltre che al premier, nei colloqui di questi giorni: c'era un accordo a portata di mano, lo schema tedesco dei licenziamenti, perché all'ultimo momento si decide di strafare? Il Pd fa la sua parte e vuole continuare a farla, ma non è accettabile ricevere schiaffi del genere alla vigilia della campagna elettorale. Il Governo, nei colloqui riservati, avrebbe lasciato intendere di essere disponibile a qualche correzione in Parlamento. Si tratta di capire se si parla di vera e propria riscrittura della norma o di una semplice interpretazione. Cesare Damiano, uno degli esponenti dell'ala laburista, spiega: "Non può essere solo un'interpretazione della norma esistente, ci vuole disponibilità a un cambiamento". Fatto non scontato, visto che il Governo in privato ha spiegato che la norma sui licenziamenti per motivi economici va letta con quella sui licenziamenti discriminatori: in altre parole, in assenza dei motivi economici il lavoratore avrebbe la possibilità di invocare un licenziamento discriminatorio, che starebbe al giudice valutare. Troppo poco per il Pd, che su questo si gioca la partita della vita.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Renzi: brogli voto estero? Film che ritorna da chi teme sconfitta
Riforme
Referendum, Salvini: voto estero comprato ma no vincerà comunque
Riforme
Renzi: col Sì Italia più forte in Ue su crescita e immigrazione
Riforme
Renzi: risultato aperto, in 48 ore ci giochiamo i prossimi 20 anni
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari