giovedì 23 febbraio | 22:31
pubblicato il 25/feb/2014 17:07

Lavoro: Di Pietro, da Coldiretti fotografia drammatica

(ASCA) - Roma, 25 feb 2014 - ''L'analisi condotta dalla Coldiretti/Ixe', ''Crisi: i giovani italiani e il lavoro nel 2014', fotografa una realta' drammatica che, purtroppo, era gia' sotto gli occhi di tutti. Solo chi vuol far finta di non vedere puo' affermare che tutto vada bene e che non ci siano problemi''. Lo scrive il Presidente dell'Italia dei Valori, Antonio Di Pietro, in un post sul suo blog. ''La crisi che ha investito il nostro Paese - prosegue - non nasce dal nulla. E' il frutto di anni di politiche sbagliate e completamente inadeguate, che nulla hanno fatto per rilanciare la nostra economia e lo sviluppo del nostro Paese. Invece di guardare in faccia alla realta', sono stati rimandati all'infinito quei provvedimenti che si sarebbero dovuti attuare urgentemente. E' mancato ogni tipo di misura economico-strutturale, qualsiasi tipo di programmazione.

L'unica soluzione e' stata quella di far pagare il peso della crisi ai cittadini onesti, invece di colpire gli evasori, i corruttori, gli sprechi della Casta''. ''La disoccupazione - aggiunge Di Pietro - ha toccato livelli da record e, come sottolineato dalla Coldiretti, il 44% dei giovani non invia neppure piu' domande di assunzione o di lavoro. In pratica hanno perso anche la voglia di sperare che qualcosa possa cambiare. Ormai, crearsi una famiglia, mettere al mondo dei figli, acquistare una casa, o spesso anche solo pagare un affitto, e' un lusso che solo pochi possono concedersi. Non si puo' negare che negli ultimi tempi la situazione sia fortemente peggiorata. A testimonianza di cio', le famiglie sono diventate sempre piu' ''una rete sociale determinante', volta a tutelare i membri che sono in difficolta'. Se si considerano gli under 34, la Coldiretti stima che il soccorso di genitori e parenti sale addirittura al 79%''. ''E' necessario ripartire - aggiunge ancora Di Pietro - e farlo con provvedimenti concreti e mirati, che ridiano prima di tutto ossigeno alle piccole e alle medie imprese, motore propulsivo della crescita del Paese, e' importante valorizzare le nostre professionalita', evitando che siano costrette a fuggire all'estero, bisogna rilanciare l'occupazione e sburocratizzare la macchina dello Stato che, spesso, scoraggia chi vorrebbe creare un'impresa o anche solo aprire un'attivita' propria. Insomma, se questo circolo vizioso non verra' spezzato, la nostra economia sara' destinata all'immobilismo, alla necrosi''. ''Il nostro Paese deve tornare a credere in se stesso e nelle sue potenzialita' - conclude Di Pietro - tornando ad occupare quel ruolo di primo piano che, in Europa e nel mondo, merita di ricoprire''.

com/vlm

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Sinistra
Scotto: nuova forza di sinistra con ex Pd, con noi 17 ex Si
Pd
Renzi: in California cerco idee anti-populisti
Aborto
Aborto, senatori Pd: ora legge per concorsi medici non obiettori
Pd
Orlando in campo a primarie Pd: mi candido, serve responsabilità
Altre sezioni
Salute e Benessere
Tribunale malato: per 1 medico su 3 troppo poco tempo per paziente
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Scoperta una nuova specie di mammifero: lo scoiattolo meridionale
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
I 7 gemelli della Terra: il parere dell'astronauta Maurizio Cheli
TechnoFun
Internet of Things: dopo la "nuvola" si studia la "nebbia"
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech