venerdì 02 dicembre | 23:50
pubblicato il 04/mag/2013 17:28

Lavoro: Dell'Aringa, in cima a priorita'. Incentivi per assumere giovani

(ASCA) - Roma, 4 mag - ''Lavoro in cima alle priorita' perche' si e' arrivati a livelli di disoccupazione socialmente pericolosi. Ci sono delle misure da prendere nell'immediato. Servono misure da prendere nei prossimi giorni e bisogna trovare le risorse anche per il rinvio del pagamento dell'Imu e dell'aumento dell'Iva''. E' quanto ha affermato in diretta a Tgcom24 il sottosegretario al Lavoro e Politiche Sociali, Carlo Dell'Aringa, sui temi incombenti per il governo Letta. Parlando della riforma Fornero, Dell'Aringa ha spiegato che ''bisogna ridurre il cuneo fiscale e dare incentivi alle aziende per assumere i giovani. Poi in collaborazione con le parti sociali dovremo allentare alcuni vincoli della legge Fornero, come sui contratti a tempo determinato. Dal momento che la riforma ha introdotto dei paletti alle imprese nell'utilizzo di questi contratti, in momenti di recessione questi vanno rimossi, almeno finche' dura l'emergenza'', ha concluso Dell'Aringa.

com-brm/vlm

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Renzi: brogli voto estero? Film che ritorna da chi teme sconfitta
Riforme
Referendum, Salvini: voto estero comprato ma no vincerà comunque
Riforme
Renzi: col Sì Italia più forte in Ue su crescita e immigrazione
Riforme
Referendum, Renzi: con Mattarella italiani sono in ottime mani
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari