domenica 04 dicembre | 19:59
pubblicato il 15/lug/2013 20:05

Lavoro: Damiano (Pd), auspico nasca un avviso comune parti sociali

Lavoro: Damiano (Pd), auspico nasca un avviso comune parti sociali

(ASCA) - Roma, 15 lug - ''E' importante l'incontro che si terra' domani tra il ministro Giovannini e le parti sociali sul tema del mercato del lavoro. Il Partito Democratico ha sollecitato con insistenza che ci fosse questo incontro, al fine di favorire ulteriori soluzioni di buona flessibilita' nell'ingresso al lavoro. L'Expo 2015 e' un evento internazionale che coinvolgera' l'intero paese. Bisogna coglierne tutte le potenzialita' di sviluppo e di occupazione, ma occorre evitare che esso si trasformi in veicolo per giustificare ulteriore deregolamentazione del mercato del lavoro''. Lo dichiara in una nota Cesare Damiano, Presidente della commissione Lavoro della Camera.

''Per questo noi auspichiamo che dall'incontro di domani nascano le premesse per un avviso comune delle parti sociali, che potrebbe essere recepito successivamente da una legislazione di sostegno. Del resto - prosegue -, questa strada e' gia' stata sperimentata con successo anche nella scorsa legislatura, al tempo del governo Monti. In quella occasione si posero le basi per una positiva correzione in molti punti della riforma del mercato del lavoro targata Fornero. Non si possono porre aut aut temporali al confronto tra le parti sociali, che tuttavia possono gia' disporre di intese locali che riguardano l'Expo 2015. L'attuale decreto lavoro puo' essere concluso anche senza nuove normative di flessibilita', anche perche' nei prossimi mesi dovremo comunque riprendere una discussione complessiva che riguardera' anche un intervento strutturale sulla diminuzione del costo del lavoro''.

''Non sottovalutiamo - conclude Damiano - il fatto che questo primo tempo dell'azione di governo, che si e' caratterizzato sull'incentivo per l'assunzione dei giovani, puo' essere irrobustito con alcune correzioni di merito. La prima riguarda l'ampliamento della platea degli incentivi fino all'eta' di 35 anni; la seconda e' un intervento a favore delle partite Iva autentiche attraverso il congelamento, per il 2014, dell'aumento dei contributi previdenziali; infine, e' giusto chiedere gia' adesso il rifinanziamento della cassa integrazione in deroga, come sollecitano le Regioni, perche' si tratta di una vera emergenza sociale ''. com/vlm

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, seggi aperti in tutta Italia: sì o no a riforma Renzi
Riforme
Referendum,Si:respinti rappresentanti no a scrutinio voto estero
Riforme
Referendum,voto cattolico plurale:da no Family day a sì gesuiti
Riforme
Referendum, Viminale assicura: matite copiative sono indelebili
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari