domenica 04 dicembre | 11:10
pubblicato il 21/mag/2013 09:55

Lavoro: Coldiretti/Swg, 61% giovani sara' piu' povero dei genitori

(ASCA) - Roma, 21 mag - Per la prima volta dal dopoguerra la nuova generazione sara' piu' povera di quella che l'ha preceduta con il 61 per cento dei giovani italiani che pensa che in futuro la sua situazione economica sara' peggiore di quella dei propri genitori, il 17 per cento uguale e solo il 14 per cento migliore, mentre il 9 per cento non risponde.

E'quanto emerge dalla prima analisi Coldiretti/Swg su ''I giovani e la crisi'', presentata all'Assemblea di Giovani Impresa Coldiretti alla vigilia della presentazione del piano giovani del Governo, dalla quale si evidenzia che le prospettive non sono dissimili tra giovani occupati (61 per cento) disoccupati (65 per cento) o studenti (54 per cento).

Nonostante questo - sottolinea la Coldiretti - solo il 36 per cento non farebbe mai il lavoro dei propri genitori, il 30 per cento lo farebbe senza entusiasmo mentre solo per il 28 per cento sarebbe interessante. La preoccupazione sul futuro economico traspare anche dall'elevato grado di insoddisfazione che caratterizza i giovani occupati che per il 36 per cento dei casi non sono contenti del proprio lavoro, che risulta poco appagante dal punto di vista economico per 3 insoddisfatti su 4 e privo di prospettive di crescita professionale per 1 su 3. Il risultato e' che - precisa la Coldiretti - ben il 77 per cento dei giovani occupati pensa di cambiare lavoro. La situazione e' profondamente diversa tra i giovani agricoltori che nell'85 per cento dei casi sono soddisfatti del proprio lavoro e solo nel 34 per cento dei casi hanno pensato di cambiarlo. ''La voglia di fare meglio e' stato il motore che ha fatto crescere il Paese da generazione a generazione'', ha affermato il presidente della Coldiretti Sergio Marini nel sottolineare che ''la mancanza di speranza dei giovani nel futuro e' la preoccupazione piu' forte che ci viene dalla crisi in un Paese dove sono pesanti le responsabilita' della classe dirigente nell'impedire il necessario rinnovamento generazionale, come dimostra la limitata presenza di giovani nei centri di poteri, rispetto gli altri Paesi sviluppati''.

rus

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, seggi aperti in tutta Italia: sì o no a riforma Renzi
Riforme
Referendum,voto cattolico plurale:da no Family day a sì gesuiti
Riforme
Vigilia del voto, Sì e No si accusano di violare il silenzio
Riforme
Referendum, quante volte è cambiata la Costituzione dal '48 a oggi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari