domenica 22 gennaio | 11:12
pubblicato il 21/mag/2013 11:22

Lavoro: Coldiretti, in controtendenza + 3,6% assunzioni agricoltura

(ASCA) - Roma, 21 mag - In controtendenza con l'aumento dei disoccupati e degli sfiduciati nel nostro Paese crescono le assunzioni nelle aziende agricole del 3,6 per cento rispetto allo scorso anno, anche per la grande spinta all'innovazione generata dalle imprese condotte da giovani. E' quanto e' emerso all'Assemblea dei giovani della Coldiretti dove e' stato creato aperto l'''Open Space sull'ingegno contadino'' con le esperienze curiose e innovative realizzate da giovani agricoltori, idee che creano lavoro e battono la crisi. La crescita di opportunita' nel settore agricolo e' resa evidente dal boom del 29 per cento delle iscrizioni negli istituti professionali agricoli e del 13 per cento negli istituti tecnici di agraria, agroalimentare ed agroindustria, secondo una analisi della Coldiretti sui dati relativi alle iscrizioni al primo anno delle scuole secondarie di II grado statali e paritarie per l'anno scolastico 2012/2013 divulgati dal Ministero dell' Istruzione, dell'Universita' e della Ricerca. Si tratta di una conferma del fatto che in agricoltura il lavoro c'e' sia per chi vuole trovare una opportunita' di occupazione, magari stagionale, sia per chi vuole intraprendere. Sono quasi 59mila le imprese agricole condotte da giovani ''under 30'' iscritte alla Camere di commercio, dove rappresentano oltre il 7 per cento del totale, secondo la Coldiretti. Circa il 70 per cento delle imprese giovani - continua la Coldiretti - opera in attivita' multifunzionali: dall'agriturismo alle fattorie didattiche, dalla vendita diretta dei prodotti tipici e del vino alla trasformazione aziendale del latte in formaggio, dell'uva in vino, delle olive in olio, ma anche pane, birra, salumi, gelati e addirittura cosmetici. La domanda di lavoratori si registra infatti per figure professionali tradizionali che vanno dal trattorista al taglialegna fino al potatore, ma anche per quelle innovative all'interno dell'impresa agricola come l'addetto alla vendita diretta di prodotti tipici, alla macellazione, alla vinificazione o alla produzione di yogurt e formaggi. Settori nei quali si evidenzia un alto tasso di creativita' ed innovazione. Ma soprattutto ''scegliamo soprattutto di fare impresa per passione (56 per cento) anche se, se vuole, qualcuno puo' continuare a pensare che l'agricoltura sia solo un ''riparo'' in tempo di crisi'', afferma il delegato dei giovani della Coldiretti Vittorio Sangiorgio nel sottolineare che ''il nostro modo di interpretare il modello di sviluppo ha numeri importanti: aumenta il numero di chi tra noi ha la certificazione di qualita' con quasi i 2/3 delle imprese giovani certificate, mentre circa il 70 per cento delle imprese giovani e' multifunzionale (era il 65 per cento un anno fa)''. com/rus

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Guerini: Bene Prodi. Ora il Mattarellum, è lo strumento migliore
Parma
Pizzarotti: mi ricandido, non lascio un buon lavoro a metà
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4