sabato 03 dicembre | 01:14
pubblicato il 18/set/2014 17:36

Lavoro: Carfagna (FI), nella disoccupazione non c'e' dignita'

(ASCA) - Roma, 18 set 2014 - ''I malumori interni al Partito democratico fanno venire a galla tutte le contraddizioni di chi continua a guardare al mercato del lavoro con le lenti del pregiudizio anti-impresa. Sostenere che l'abolizione parziale del reintegro leda la dignita' del lavoratore (comunque esclusa nei casi di discriminazione) significa pensare che l'imprenditore abbia come obiettivo non quello di investire, produrre e quindi assumere, ma quello di licenziare in totale liberta'''. Cosi' in una nota la portavoce di Forza Italia alla Camera, Mara Carfagna. ''Sappiamo che non e' cosi' e soprattutto sappiamo che cio' che lede la dignita' degli italiani e' la difficolta' di trovare un lavoro. Questo problema si affronta soltanto mettendo gli imprenditori nelle condizioni di assumere e, quindi, abbassando le tasse sul lavoro e flessibilizzando le regole. Il tutto nell'ottica di un quadro normativo che protegga il lavoratore piuttosto che il posto di lavoro'', conclude Carfagna.

com/vlm

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Renzi: brogli voto estero? Film che ritorna da chi teme sconfitta
Riforme
Referendum, Salvini: voto estero comprato ma no vincerà comunque
Riforme
Renzi: col Sì Italia più forte in Ue su crescita e immigrazione
Riforme
Politici, vip e costituzionalisti, tutti divisi al referendum
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari