venerdì 24 febbraio | 09:33
pubblicato il 25/mar/2012 17:15

Lavoro/ Camusso: Premeremo su Parlamento per ottenere reintegro

E' il deterrente per evitare licenziamenti illegittimi

Lavoro/ Camusso: Premeremo su Parlamento per ottenere reintegro

Roma, 25 mar. (askanews) - "Penso che ci sia un'ingiustizia in quella norma" che non prevede il reintegro, e l'errore è stato quelo di spostare la discussione "dal licenziamento illegittimo all'idea che se lo chiamiamo con tanti nomi diversi lo si possa fare: ma il tema resta quale sia il deterrente" per evitare licenziamenti illegittimi. Lo ha detto il segretario della Cgil, Susanna Camusso, parlando a In mezz'ora. "Penso che bisogna trovare una soluzione che reintroduce in tutte le tipologie il reintegro, quello è deterrente", seguendo dunque ad esempio il "modello tedesco". "Penso che Monti ha sbagliato e la mia previsione è che continuerà un movimento molto serio che premerà sul Parlamento affinché cambi: il Parlamento non può essere impermeabile al Paese", ha concluso Camusso.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Sinistra
Scotto: nuova forza di sinistra con ex Pd, con noi 17 ex Si
Aborto
Aborto, senatori Pd: ora legge per concorsi medici non obiettori
Ue
Mattarella:Ue ha valore irreversibile, da crisi uscirà più forte
Pd
Orlando in campo a primarie Pd: mi candido, serve responsabilità
Altre sezioni
Salute e Benessere
Tribunale malato: per 1 medico su 3 troppo poco tempo per paziente
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Scoperta una nuova specie di mammifero: lo scoiattolo meridionale
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
I 7 gemelli della Terra: il parere dell'astronauta Maurizio Cheli
TechnoFun
Internet of Things: dopo la "nuvola" si studia la "nebbia"
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech