martedì 17 gennaio | 22:59
pubblicato il 16/set/2013 10:03

Lavoro: Brunetta, solo cambiando legge Fornero fuori da crisi

Lavoro: Brunetta, solo cambiando legge Fornero fuori da crisi

(ASCA) - Roma, 16 set - ''Il prossimo fine settimana si vota in Germania. Vincera' Angela Merkel, e per l'Europa saranno guai. O forse no. Infatti, piuttosto che aver paura del nuovo ciclo della Cancelliera di ferro, forse sarebbe piu' opportuno adottare gli insegnamenti della Germania del passato, con intelligenza. Contrariamente a quanto e' stato fatto, anche di recente, in Italia. Seguendo questa chiave si puo' dire che il governo Letta mostra ancora idee confuse''.

Cosi' Renato Brunetta, capogruppo del Pdl alla Camera dei deputati, in un editoriale pubblicato da ''Il Giornale''. ''Se il presidente del Consiglio Enrico Letta ha enfatizzato lo spirito di ''pace sociale' con cui Confindustria e sindacati sono tornati a parlarsi, per il ministro dell'Economia Fabrizio Saccomanni, il cosiddetto ''Patto di Genova' mostra ''un conto della spesa molto elevato e immediatamente posto a carico del bilancio statale con poco realismo'. Posizioni in contrasto l'una con l'altra, che segnano la distanza non solo tra premier e ministro dell'Economia ma anche governo e parti sociali. Per non parlare di chi, data la scarsita' di risorse, azzarda anche uno scambio riduzione del cuneo fiscale-aumento dell'Iva''.

La riforma del mercato del lavoro, prosegue Brunetta, ''con l'obiettivo di eliminare le rigidita' strutturali che caratterizzano l'economia italiana puo' diventare una delle chiavi di volta per uscire dalla crisi. L'urgenza di tale riforma e' ancora maggiore se si pensa che l'Italia non pu o' piu' utilizzare la svalutazione competitiva che rendeva i prodotti pi u' convenienti sui mercati esteri''. ''Il governo, pertanto, ha solo due leve alternative: abbassare la tassazione diretta, che rientra come componente nella formazione dei prezzi finali; oppure creare un sistema di norme che consentano la piena flessibilizzazione dei salari, in maniera che crescano ad un tasso moderato, senza creare pericolose spirali inflazionistiche, solo perche' aumenta la produttivita'. E' quanto e' avvenuto in Germania nei primi anni 2000 con le riforme del mercato del lavoro e del welfare promosse dal governo Schroeder e note a tutti come le ''quattro riforme Hartz', dal nome del direttore risorse umane di Wolkswagen, che le ha ispirate. Ed e' quanto si stava facendo in Italia con il governo Berlusconi nella legislatura cominciata nel 2008 e bruscamente interrotta nel 2011 in tema di riforma del sistema di contrattazione salariale collettiva''. Se la Spagna ha azzerato il suo differenziale sui titoli decennali rispetto all'Italia uscendo dalla recessione, ''mentre noi ne siamo dentro ancora fino al collo, non sara' perche' la Spagna - si domanda l'ex ministro - ha finalmente riformato il suo mercato del lavoro in chiave tedesca e noi no? Ecco, questo e' il riformismo di cui ha bisogno il nostro paese, su cui la nostra grande coalizione dovrebbe misurarsi.

Altro che dilaniarsi per la decadenza del senatore Berlusconi'', conclude.

com-fdv

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Quirinale
Mattarella da oggi in Grecia in visita ufficiale
M5s
Nasce Sharing Rousseau, Di Maio: "Intelligenza collettiva M5s"
Nato
Mattarella:Nato straodinariamente importante per pace e sicurezza
Ue
Presidenza Europarlamento: al ballottaggio Tajani e Pittella
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Nel 2016 consumi alimentari fuori casa +1,1%, domestici -0,1%
Turismo
Nel 2016 Roma è stata la meta italiana preferita dagli europei
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Moda, nasce Brandamour, nuovo polo del lusso Made in Italy
Scienza e Innovazione
Nell'Universo ci sono almeno due trilioni di galassie
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Dal 26 marzo al via i nuovi voli da Milano-Malpensa