sabato 03 dicembre | 15:31
pubblicato il 16/set/2013 10:03

Lavoro: Brunetta, solo cambiando legge Fornero fuori da crisi

Lavoro: Brunetta, solo cambiando legge Fornero fuori da crisi

(ASCA) - Roma, 16 set - ''Il prossimo fine settimana si vota in Germania. Vincera' Angela Merkel, e per l'Europa saranno guai. O forse no. Infatti, piuttosto che aver paura del nuovo ciclo della Cancelliera di ferro, forse sarebbe piu' opportuno adottare gli insegnamenti della Germania del passato, con intelligenza. Contrariamente a quanto e' stato fatto, anche di recente, in Italia. Seguendo questa chiave si puo' dire che il governo Letta mostra ancora idee confuse''.

Cosi' Renato Brunetta, capogruppo del Pdl alla Camera dei deputati, in un editoriale pubblicato da ''Il Giornale''. ''Se il presidente del Consiglio Enrico Letta ha enfatizzato lo spirito di ''pace sociale' con cui Confindustria e sindacati sono tornati a parlarsi, per il ministro dell'Economia Fabrizio Saccomanni, il cosiddetto ''Patto di Genova' mostra ''un conto della spesa molto elevato e immediatamente posto a carico del bilancio statale con poco realismo'. Posizioni in contrasto l'una con l'altra, che segnano la distanza non solo tra premier e ministro dell'Economia ma anche governo e parti sociali. Per non parlare di chi, data la scarsita' di risorse, azzarda anche uno scambio riduzione del cuneo fiscale-aumento dell'Iva''.

La riforma del mercato del lavoro, prosegue Brunetta, ''con l'obiettivo di eliminare le rigidita' strutturali che caratterizzano l'economia italiana puo' diventare una delle chiavi di volta per uscire dalla crisi. L'urgenza di tale riforma e' ancora maggiore se si pensa che l'Italia non pu o' piu' utilizzare la svalutazione competitiva che rendeva i prodotti pi u' convenienti sui mercati esteri''. ''Il governo, pertanto, ha solo due leve alternative: abbassare la tassazione diretta, che rientra come componente nella formazione dei prezzi finali; oppure creare un sistema di norme che consentano la piena flessibilizzazione dei salari, in maniera che crescano ad un tasso moderato, senza creare pericolose spirali inflazionistiche, solo perche' aumenta la produttivita'. E' quanto e' avvenuto in Germania nei primi anni 2000 con le riforme del mercato del lavoro e del welfare promosse dal governo Schroeder e note a tutti come le ''quattro riforme Hartz', dal nome del direttore risorse umane di Wolkswagen, che le ha ispirate. Ed e' quanto si stava facendo in Italia con il governo Berlusconi nella legislatura cominciata nel 2008 e bruscamente interrotta nel 2011 in tema di riforma del sistema di contrattazione salariale collettiva''. Se la Spagna ha azzerato il suo differenziale sui titoli decennali rispetto all'Italia uscendo dalla recessione, ''mentre noi ne siamo dentro ancora fino al collo, non sara' perche' la Spagna - si domanda l'ex ministro - ha finalmente riformato il suo mercato del lavoro in chiave tedesca e noi no? Ecco, questo e' il riformismo di cui ha bisogno il nostro paese, su cui la nostra grande coalizione dovrebbe misurarsi.

Altro che dilaniarsi per la decadenza del senatore Berlusconi'', conclude.

com-fdv

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Politici, vip e costituzionalisti, tutti divisi al referendum
Riforme
Referendum, Renzi: con Mattarella italiani sono in ottime mani
Riforme
Referendum, Grillo: se perdiamo contro il mondo va bene lo stesso
Riforme
Referendum, Berlusconi: con voto a matita possibili i brogli
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari