martedì 28 febbraio | 13:44
pubblicato il 04/feb/2014 11:45

Lavoro: Boldrini, dubbi su norme flessibilita' e su leggi ultimi decenni

Lavoro: Boldrini, dubbi su norme flessibilita' e su leggi ultimi decenni

(ASCA) - Roma, 4 feb 2014 - Il documento della Camera sull'emergenza occupazionale ''pone la domanda fondamentale: se gli interventi legislativi degli ultimi decenni abbiano davvero cercato e trovato una soluzione strutturale per incentivare l'occupazione giovanile''. Lo afferma la presidente della Camera, Laura Boldrini, presentando a Montecitorio l'indagine conoscitiva, svolta dalla XI Commissione Lavoro della Camera, sul tema dell'emergenza occupazionale, alla presenza del ministro dell'Welfare, Enrico Giovannini.

''Non e' facile rispondere a un quesito cosi' complesso, - prosegue Boldrini - ma i dubbi sono certamente tanti. Le maggiori perplessita' sulla reale ricerca di soluzioni strutturali vengono dalla sempre piu' frequente introduzione di contratti flessibili. Che tipo di occupazione hanno creato queste misure?''. com-sgr/sam/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Centrodestra
Zaia a Berlusconi: io candidato premier? E' una manfrina
Centrodestra
Salvini gela Berlusconi: no a Zaia leader e a doppia moneta
Pd
Pd, D'Alema: attacchi Renzi? Non vorrei alimentare ossessioni
Pd
Orlando: non si può ridurre scissione Pd a manovra di D'Alema
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ricerca, nanocubi per la diagnosi precoce di Alzheimer e Parkinson
Motori
La Turbo S E-Hybrid diventa modello più potente Porsche Panamera
Enogastronomia
Premio Ercole Olivario, in gara 174 etichette da 17 Regioni
Turismo
Favara: apre l'Alba Palace: quattro stelle di cultura e tradizione
Energia e Ambiente
E.ON:Per 6 italiani su 10 ideale per la casa è l'energia solare
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
SpaceX invierà due turisti spaziali attorno alla Luna a fine 2018
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech