sabato 03 dicembre | 08:19
pubblicato il 08/lug/2014 15:46

Lavoro: Boccuzzi (Pd), semplificare ispezioni, no depotenziare controlli

(ASCA) - Roma, 8 lug 2014 - ''Nella legge delega sul Jobs Act potrebbe anche essere inserita una norma che istituisce un'Agenzia unica per le attivita' ispettive nelle imprese, con l'obiettivo di snellire la burocrazia e risparmiare, evitando la moltiplicazione di controlli, magari non coordinati. Si tratta, sicuramente, di una semplificazione, volta ad agevolare le imprese italiane, gia' gravate da mille fardelli. Come tale, essa non puo' che essere condivisibile.

Tuttavia attenzione a non svilire la prevenzione di infortuni e malattie professionali''. Lo dichiara in una nota Antonio Boccuzzi, deputato del Partito democratico e componente in commissione Lavoro alla Camera.

''Se coordinare i controlli di Inps, Inail e ministero del Lavoro - spiega Boccuzzi - potrebbe infatti migliorare l'efficacia di alcuni controlli e uniformarne l'applicazione (in particolare per il lavoro nero), non avrebbe tuttavia senso inserire anche i controlli sull'evasione fiscale - potenziamo, semmai, gli organici della Guardia di Finanza - e, soprattutto, inglobare anche le attivita' gestite dalle Aziende sanitarie sulla prevenzione e la sicurezza negli ambienti di lavoro''.

''Al di la' delle possibili complicazioni contrattuali e del doveroso coinvolgimento dei Sindacati sulla questione - continua Boccuzzi - non si puo' pensare di delegare la prevenzione a un unico ''super ispettore', che gia' farebbe fatica a seguire tutti gli altri controlli e difficilmente avrebbe un'adeguata formazione. Piuttosto, incentiviamo gli assessorati alla Sanita' di ogni Regione, e diamo loro risorse e obiettivi stringenti sulla prevenzione di salute e sicurezza sul lavoro''.

''La cultura della sicurezza e un'efficacie prevenzione di infortuni e malattie professionali, uniche vere soluzioni al dramma delle morti sul lavoro insieme a investimenti adeguati, non possono essere sacrificate in occasione della crisi. Si' alla semplificazione, ma non a tutti i costi: soprattutto, se sono in gioco la salute e l'incolumita' di lavoratrici e lavoratori'', conclude Boccuzzi. com/vlm

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Renzi: brogli voto estero? Film che ritorna da chi teme sconfitta
Riforme
Referendum, Salvini: voto estero comprato ma no vincerà comunque
Riforme
Renzi: col Sì Italia più forte in Ue su crescita e immigrazione
Riforme
Politici, vip e costituzionalisti, tutti divisi al referendum
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari