lunedì 05 dicembre | 11:54
pubblicato il 06/mar/2012 20:01

Lavoro/ Bersani: Ok ascoltare disagio, ma sosteniamo Monti

Segretario frena i 'laburisti' che volevano manifestare con Fiom

Lavoro/ Bersani: Ok ascoltare disagio, ma sosteniamo Monti

Roma, 6 mar. (askanews) - E' giusto interloquire anche con chi "non la pensa esattamente come noi", ma il Pd deve saper coniugare l'ascolto delle tante aree di sofferenza del Paese con il sostegno al Governo Monti. Così, secondo quanto viene riferito, il segretario democratico Pier Luigi Bersani avrebbe concluso oggi i lavori della segreteria, dedicata a quanto pare solo alla manifestazione della Fiom del 9 marzo e ai temi del lavoro. Una questione di cui Bersani aveva già parlato da tempo con quei dirigenti del Pd, peraltro a lui vicini, che avevano annunciato l'intenzione di partecipare. Molte erano state le polemiche dell'ala 'montiana' del partito, convinta che il Pd non poteva manifestare contro il Governo che sostiene in Parlamento. Una potenziale contraddizione che è ben presente anche a Bersani, convinto che il Pd debba sì svolgere il proprio ruolo nel Paese, ma solo senza mettere in discussione il proprio appoggio a Monti. La scelta della Fiom di giocare in prima fila nella protesta 'No-Tav', ha permesso di sciogliere gli ultimi dubbi: solo una settimana fa Bersani si è trovato a dover gestire un difficile faccia a faccia con Maurizio Landini, il segretario Fiom, che negli studi di Michele Santoro difendeva la protesta. Per il segretario democratico, che su questo ha fatto anche un'intervista all'Unità domenica scorsa, non è pensabile che ci siano ambiguità, nel momento in cui il movimento 'No-Tav' intraprende iniziative spesso oltre il limite della legalità; né, secondo quanto Bersani ha spiegato nei giorni scorsi a chi aveva pensato di andare in piazza, si può ignorare il ruolo sempre più politico svolto dalla Fiom su questa vicenda. Oggi, quindi, è stato lo stesso Fassina ad aprire i lavori della segreteria, ribadendo i motivi che lo avevano portato ad annunciare la propria partecipazione alla manifestazione e spiegando perché ora è necessario cambiare posizione. Nelle conclusioni, Bersani ha riconosciuto ai 'laburisti' Pd che "bisogna tenere insieme il sostegno a Monti col tentativo di non perdere il rapporto con il Paese", con le aree "di sofferenza" e sicuramente "dobbiamo far capire che il tema della democrazia sindacale è decisivo". Questo vale anche per "realtà piccole ma importanti: non possiamo farli sentire abbandonati". Dunque, "è giusto il dialogo anche con chi non la pensa esattamente come noi", tanto più in un anno di recessione dura che porterà ad una "radicalizzazione dei problemi". Ma, appunto, cercando di conciliare questo ruolo di 'ascolto' con il sostegno al Governo che il Pd garantisce in Parlamento per responsabilità di fronte all'emergenza.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, Di Maio: da domani al lavoro per futuro governo M5s
Riforme
Referendum, Renzi: ho perso io e mi dimetto, ma senza rimorsi
Riforme
Referendum,Si:respinti rappresentanti no a scrutinio voto estero
Riforme
Referendum, affluenza boom alle urne: alle 19 è già al 57,24%
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari