venerdì 09 dicembre | 07:50
pubblicato il 21/mar/2012 20:49

##Lavoro/ Bersani a Monti, va cambiata.Tensione nel Pd su art. 18

D'Alema: Serve legge delega. Bindi: Parlamento è sovrano

##Lavoro/ Bersani a Monti, va cambiata.Tensione nel Pd su art. 18

Roma, 21 mar. (askanews) - Che si siano parlati, almeno per telefono, oggi Pier Luigi Bersani e Mario Monti è più che probabile. Il segretario del Pd viene descritto eufemisticamente 'irritato' per la conclusione del tavolo tra governo e parti sociali ieri sera a palazzo Chigi, e ancor di più per le novità emerse durante la riunione, in particolare quella sui licenziamenti per motivi economici e al presidente del Consiglio doveva far sapere subito che "la riforma va cambiata e in Parlamento la cambieremo". Ecco perchè il Pd, e su questo almeno c'è unità di intenti, rifiuta categoricamente l'idea di un decreto, meglio un disegno di legge, o addirittura una legge delega, per dare modo al Parlamento di svolgere il suo ruolo. "Il testo che è stato anticipato sull'articolo 18 mi sembra confuso e pericoloso", quindi "va migliorato" in Parlamento e la forma "più appropriata" per presentarlo "è una legge delega", ha sintetizzato Massimo D'Alema. "Il Parlamento sia sovrano, deve poter modificare in profondità" la riforma del mercato del lavoro, ha aggiunto Rosy Bindi. La riforma del mercato del lavoro rischia di essere deflagrante non solo per i tanti lavoratori che rischiano di perdere il posto a causa della crisi ma anche per il Pd, plasticamente spaccato su un tema così cruciale. Le due grandi anime, sinistra e moderati, hanno sempre avuto opinioni diverse su questa riforma, sui rapporti con il sindacato e con il governo e ora i nodi sono arrivati al pettine. Da un lato infatti gran parte degli ex Ds, (eccetto Veltroni), non possono permettersi di votare per i licenziamenti e contro la Cgil, insomma contro il proprio elettorato di riferimento, dall'altro gli ex centristi più vicini alle posizioni della Cisl, come Fioroni, Gentiloni, Letta che invece puntano a dare al partito un profilo più liberale. Due anime che su questo voto rischiano di dividersi in maniera irreversibile. (segue)

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
Pontassieve riaccoglie Renzi: "non molli ora, deve andare avanti"
Governo
Mattarella apre consultazioni,l'arbitro silente debutta in campo
Governo
Renzi domani torna a Roma, oggi pranzo dal padre e poi a Messa
Governo
Crisi, Grillo: elezioni subito senza scuse, legge elettorale c'è
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni