domenica 11 dicembre | 04:02
pubblicato il 18/feb/2012 19:45

Lavoro/ Berlusconi e Bersani, duello sull'articolo 18

Ex premier: Non è un tabù. Segretario: estraneo a problema lavoro

Lavoro/ Berlusconi e Bersani, duello sull'articolo 18

Roma, 18 feb. (askanews) - E' ancora articolo 18. Mentre governo e sindacati duellano su Cigs e sussidi di disoccupazione, i partiti si dividono sullo spinoso tema della modifica dello Statuto dei lavoratori. Oggi sono i due big della maggioranza, Pier Luigi Bersani e Silvio Berlusconi, a dibattere sull'opportunità di modificarlo, con il leader democratico convinto che si tratti di un tema "estraneo ai problemi del lavoro" e con l'ex premier aperto invece a modifiche. La cassa integrazione straordinaria non deve essere eliminata in questo periodo di crisi, ha sottolineato Bersani, convinto anche della necessità di tutelare l'articolo 18: una eventuale modifica ha "poco o nulla a che fare con i problemi che ha adesso il mercato del lavoro". "Alla fine, come abbiamo sempre detto, ci sarà una manutenzione della gestione di questo articolo che ha poco o nulla a che fare con i problemi che ha adesso il mercato del lavoro. Finalmente - ha proseguito - chiusa quella trattativa si tratterà del tema vero cioè come diamo un po di lavoro. Un tema intorno al quale ancora stiamo ancora girando intorno". Il segretario democratico ha anche assicurato che sulla riforma il Pd valuterà le risposte che verranno dal Tavolo tra Governo e parti sociali per poi discuterne in Parlamento qualora non vi fosse un accordo condiviso. Di diverso avviso, sulla materia, il leader del Pdl e predecessore di Monti, Silvio Berlusconi. Di articolo 18 "se ne deve poter discutere, non può essere un tabù". Intervista dall'agenzia di stampa spagnola Efe, il Cavaliere ha aggiunto: "A suo tempo noi proponemmo di modificarlo almeno per i nuovi assunti, ma la reazione, soprattutto dei sindacati, fu furibonda. Alla fine quest'idea è tornata. Produttività, crescita e occupazione, così come la fiducia dei mercati e degli investitori internazionali, dipendono in gran parte dalla riforma del nostro sistema di relazioni lavorative". A fargli eco, nel pomeriggio, il segretario pidiellino Angelino Alfano: "Abbiamo sempre sostenuto che ci voglia una riforma del mercato del lavoro nel nostro Paese, e che l'articolo 18 non sia un tabù. Tutto ciò non serve per licenziare di più, ma per assumere meglio".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Governo
Di Battista:risponderemo a colpi piazza a tentativo fermare M5s
Governo
Di Maio: no a Gentiloni o altro Avatar per salvare la banca Pd
Governo
Renzi al Pd esclude restare,Gentiloni tiene ma partita non chiusa
Governo
Speranza al Pd: indispensabile una scelta di discontinuità
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Le tecnologie spaziali che aiutano la sostenibilità
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina