lunedì 23 gennaio | 06:08
pubblicato il 18/feb/2012 19:45

Lavoro/ Berlusconi e Bersani, duello sull'articolo 18

Ex premier: Non è un tabù. Segretario: estraneo a problema lavoro

Lavoro/ Berlusconi e Bersani, duello sull'articolo 18

Roma, 18 feb. (askanews) - E' ancora articolo 18. Mentre governo e sindacati duellano su Cigs e sussidi di disoccupazione, i partiti si dividono sullo spinoso tema della modifica dello Statuto dei lavoratori. Oggi sono i due big della maggioranza, Pier Luigi Bersani e Silvio Berlusconi, a dibattere sull'opportunità di modificarlo, con il leader democratico convinto che si tratti di un tema "estraneo ai problemi del lavoro" e con l'ex premier aperto invece a modifiche. La cassa integrazione straordinaria non deve essere eliminata in questo periodo di crisi, ha sottolineato Bersani, convinto anche della necessità di tutelare l'articolo 18: una eventuale modifica ha "poco o nulla a che fare con i problemi che ha adesso il mercato del lavoro". "Alla fine, come abbiamo sempre detto, ci sarà una manutenzione della gestione di questo articolo che ha poco o nulla a che fare con i problemi che ha adesso il mercato del lavoro. Finalmente - ha proseguito - chiusa quella trattativa si tratterà del tema vero cioè come diamo un po di lavoro. Un tema intorno al quale ancora stiamo ancora girando intorno". Il segretario democratico ha anche assicurato che sulla riforma il Pd valuterà le risposte che verranno dal Tavolo tra Governo e parti sociali per poi discuterne in Parlamento qualora non vi fosse un accordo condiviso. Di diverso avviso, sulla materia, il leader del Pdl e predecessore di Monti, Silvio Berlusconi. Di articolo 18 "se ne deve poter discutere, non può essere un tabù". Intervista dall'agenzia di stampa spagnola Efe, il Cavaliere ha aggiunto: "A suo tempo noi proponemmo di modificarlo almeno per i nuovi assunti, ma la reazione, soprattutto dei sindacati, fu furibonda. Alla fine quest'idea è tornata. Produttività, crescita e occupazione, così come la fiducia dei mercati e degli investitori internazionali, dipendono in gran parte dalla riforma del nostro sistema di relazioni lavorative". A fargli eco, nel pomeriggio, il segretario pidiellino Angelino Alfano: "Abbiamo sempre sostenuto che ci voglia una riforma del mercato del lavoro nel nostro Paese, e che l'articolo 18 non sia un tabù. Tutto ciò non serve per licenziare di più, ma per assumere meglio".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Nato
Emiliano: Trump ignora la Nato? Potremmo rinegoziare trattati
Usa
Gentiloni: Trump? Collaboreremo ma abbiamo i nostri valori
Pd
Emiliano: se qualcuno apre il congresso mi candido segretario Pd
Governo
Gentiloni: D'Alema non aiuta la discussione, troppo polemico
Altre sezioni
Salute e Benessere
Nuove postazioni di telemedicina italiana no profit in Africa
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4