sabato 21 gennaio | 03:57
pubblicato il 03/feb/2012 11:31

Lavoro/ 'Avvenire' a Monti: Su posto fisso serve meno fretta

L'economista Bruni elogia il mestiere: Più mediazione sociale

Lavoro/ 'Avvenire' a Monti: Su posto fisso serve meno fretta

Roma, 3 feb. (askanews) - Ci sono "tesi condivisibili e sagge" in quanto afferma sul mercato del lavoro il presidente del Consiglio Mario Monti, "sia nelle dichiarazioni ufficiali sia nelle apparizioni televisive", ma il discorso relativo al lavoro dei giovani e al 'posto fisso' "avrebbe bisogno di meno fretta, di più mediazione sociale e di una valutazione più approfondita e meditata", secondo 'Avvenire', che affida all'economista cattolico Luigino Bruni un editoriale di prima pagina intitolato 'E sì, ci vuole mestiere'. "E' molto triste - scrive il quotidiano della Cei, che non menziona mai apertamente la battuta televisiva di Monti sulla "monotonia" del posto fisso - vedere tanti diplomati e laureati che a distanza di dieci anni dal diploma o dalla laurea fanno una gran fatica a dire ad amici e parenti, e a se stessi, quali siano il proprio lavoro e le proprie competenze, quale sia il proprio mestiere". L'economista focolarino fa un elogio del 'mestiere': "La società tradizionale era stata capace di creare una forte etica del lavoro basata sui mestieri, che ha retto la nostra civiltà per secoli: fabbri, panettieri, maestre, operai e dottori hanno dato serietà e ordine non solo all'economia ma all'Umanesimo dell'occidente. E', infatti, il mestiere il grande tema che va posto al centro del dibattito sul lavoro, senza guardare nostalgicamente indietro, ma con la consapevolezza che senza mestieri, antichi, nuovi e nuovissimi, non c'è sviluppo. Ma che mestiere fa oggi un laureato in economia che ha trascorso due anni in stage, uno in amministrazione di una impresa, due in una società di consulenza, tre in una assicurazione? Che mestiere fa un perito (cioè un esperto diplomato) che non trova neanche un posto da apprendista? Che cosa sa fare e in che cosa è competente?". Conclude 'Avvenire' che "il primo atto di fiducia verso un giovane è dargli la possibilità di coltivare la sua vocazione lavorativa, da cui dipende la felicità (eu-daimonia) individuale e pubblica".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Pd, Renzi al Nazareno incontra big del partito
Craxi
Berlusconi: mi manca Craxi, è stato vittima di un golpe
Terremoti
Terremoto, Finocchiaro: stanziati 30 milioni per l'emergenza
Maltempo
Rigopiano, Gentiloni: grazie a chi salva vite, forza e coraggio
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4