lunedì 05 dicembre | 18:06
pubblicato il 28/mar/2015 18:25

Landini divide minoranza Pd. E Renzi mostra numeri: fuori da crisi

Pochi in piazza a Roma con Landini, Damiano si dissocia

Landini divide minoranza Pd. E Renzi mostra numeri: fuori da crisi

Roma, 28 mar. (askanews) - Alcuni, pochi, sono andati in piazza. Altri, come Gianni Cuperlo, hanno solidarizzato a distanza, mentre Pier Luigi Bersani si è tenuto alla larga come annunciato e qualcuno come Cesare Damiano ha ufficialmente detto di non condividere l'iniziativa (": la "coalizione sociale" di Maurizio Landini non seduce la minoranza Pd, o meglio divide una volta di più l'ala dura di Pippo Civati, Stefano Fassina e Rosy Bindi dai "riformisti" di Roberto Speranza. Un quadro che a Matteo Renzi certo non dispiace, perché fotografa un Pd che, alla fine, sceglie di non sfidare il segretario-premier.

Lui, Renzi, preferisce replicare con i numeri, le ultime cifre su posti di lavoro, andamento dei consumi, costi delle bollette e via dicendo, per dire che "tutti insieme stiamo portando l'Italia fuori dalla crisi, finalmente, dai che questa è la volta buona". Il Premier, al termine del consiglio dei ministri di venerdì, una stoccata non l'aveva risparmiata a Landini: "Il nostro governo - ha aggiunto - ha messo soldi in stabilità per i contratti a tempo indeterminato, qualcuno non se ne è accorto, ma se ne sono accorti i lavoratori e gli imprenditori". Nel giorno della manifestazione, però, il premier preferisce replicare indirettamente, sbandierando i "piccoli segnali" di cui appunto "qualcuno non si accorge". La replica esplicita è invece affidata ai due vice-segretari: "Mi pare che la partecipazione di rappresentanti del Pd", dice Lorenzo Guerini. "Non darei un significato particolare a questa partecipazione". E se Landini è sicuro di avere "più consensi del governo", Debora Serracchiani risponde: "Vedremo nel 2018 se ne ha più Renzi o più Landini".

Cuperlo, come detto, non è andato in piazza, ma ha mandato un messaggio per dire che "la vostra battaglia per la democrazia, per l'uguaglianza, i diritti e l'occupazione è anche la battaglia di molti di noi". E Fassino, che al corteo c'era, ha spiegato: "Siamo qua per cercare di dare rappresentanza a questo mondo del lavoro, oggettivamente c'è un deficit di rappresentanza, il Pd e il governo Renzi sono distanti da queste donne e uomini e molto più vicini ai poteri forti". Damiano, però, boccia la manifestazione: "Credo da sempre che non sia di alcuna utilità assemblare forze che non abbiano obiettivi comuni perché si correrebbe il rischio di rifluire in una logica di pura protesta e di sterile contrapposizione alle politiche del Governo".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, Di Maio: da domani al lavoro per futuro governo M5s
Riforme
Referendum, Renzi: ho perso io e mi dimetto, ma senza rimorsi
Riforme
Referendum, Grillo: addio Renzi, ha vinto la democrazia
Riforme
Referendum, affluenza finale 68,48%. Si è votato di più al Nord
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Festa a Roma con Heinz Beck per i 30 anni del Gambero Rosso
Turismo
Eden Travel Group, il SalvaVacanza spinge l'advance booking
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Accordo Altec-Virgin Galactic: l'Italia avrà il suo spazioporto
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari