sabato 03 dicembre | 01:40
pubblicato il 05/ott/2013 12:00

Lampedusa/Boldrini: Occorre fare chiarezza su leggi immigrazione

Di fronte a fenomeno che cambia, vanno cambiate le leggi

Lampedusa/Boldrini: Occorre fare chiarezza su leggi immigrazione

Lampedusa, 5 ott. (askanews) - "Il soccorso in mare dev'essere qualcosa di organizzato che coinvolga tutti i Paesi rivieraschi. Forse ci vuole una cabina di regia. Ci vuole un rilancio di una collaborazione che evidentemente non è sufficientemente forte se questi sono i risultati". Lo ha detto il presidente della Camera Laura Boldrini, incontrando ieri sera nel Comune di Lampedusa i giornalisti. "Occorre fare chiarezza anche sulle nostre legislazioni - ha spiegato Boldrini -. Se molti marinai, pescatori, preferiscono non vedere è perchè ci sono dei motivi. C'è molta confusione. Si può o no soccorrere un immigrato irregolare in mare? E se lo faccio che succede? Quando casomai qui l'unico reato che andrebbe considerato è l'omissione di soccorso eventualmente. L'emigrazione è un fenomeno che sta cambiando, allora devono cambiare anche le leggi".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Renzi: brogli voto estero? Film che ritorna da chi teme sconfitta
Riforme
Referendum, Salvini: voto estero comprato ma no vincerà comunque
Riforme
Renzi: col Sì Italia più forte in Ue su crescita e immigrazione
Riforme
Politici, vip e costituzionalisti, tutti divisi al referendum
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari