sabato 03 dicembre | 10:40
pubblicato il 10/nov/2011 21:16

La tela di Napolitano:vede Monti, sente Obama. "Italia ce la fa"

A professore, presidente mostra nota premier su nomina a senatore

La tela di Napolitano:vede Monti, sente Obama. "Italia ce la fa"

Roma, 10 nov. (askanews) - "Sono sicuro che l'Italia sarà all'altezza del compito". All'indomani di una giornata nera per le Borse e insieme decisiva per l'avvio della crisi di governo, Giorgio Napolitano esordisce con una iniezione di fiducia. Il presidente della Repubblica parla di primo mattino all'ambasciata finlandese, ad un convegno su Risorgimento e Stati nazionali in Europa. Il messaggio è che il paese ce la può fare, ma deve essere consapevole di avere davanti "scelte molto difficili e politicamente ardue" per arrivare al "risanamento finanziario" e rilanciare la crescita economica e sociale. E' quanto mai necessario far presto: "L'Europa - sottolinea il capo dello Stato - attende con urgenza segni importanti di piena assunzione di responsabilità da parte di uno degli Stati fondatori". E visto che non bisogna perder tempo, subito dopo il breve saluto a Villa Lante, Napolitano torna al Quirinale per un'altra giornata densa di mosse sullo scacchiere della crisi economica italiana e internazionale. Nel pomeriggio, il capo dello Stato riceve al Colle Mario Monti. Un incontro di cortesia, il professore esprime "vivo ringraziamento" per la nomina a senatore a vita annunciata a sorpresa ieri sera dal presidente della Repubblica. Il colloquio dura due ore. Napolitano e Monti si scambiano opinioni sulla crisi economica mondiale e italiana. E, a quanto si apprende, sarebbe stato proprio il presidente della Repubblica a mostrare a Monti la nota con la quale Silvio Berlusconi gli augura buon lavoro per la nomina a senatore a vita. Sembrerebbe che Monti, di ritorno in Italia da Berlino, non ne fosse a conoscenza. Il nome dell'ex commissario Ue è l'unico che ormai circola nelle ipotesi di un governo di larghe intese per il dopo-Berlusconi. E i fatti di oggi sgomberano il campo da altri papabili per Palazzo Chigi, tanto più che mezzo mondo, da piazza Affari ai mercati internazionali fino alla stampa estera, hanno di fatto salutato il nome di Monti come il salvatore dell'Italia. Degli ultimi sviluppi della situazione politica italiana, Napolitano ha parlato anche con Barack Obama, in un "cordiale colloquio" telefonico. E il presidente degli Stati Uniti gli ha espresso fiducia nella capacità del nostro paese di gestire la crisi del debito.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, Salvini: voto estero comprato ma no vincerà comunque
Riforme
Politici, vip e costituzionalisti, tutti divisi al referendum
Riforme
Referendum, Renzi: con Mattarella italiani sono in ottime mani
Riforme
Referendum, Grillo: se perdiamo contro il mondo va bene lo stesso
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari