sabato 03 dicembre | 21:10
pubblicato il 20/set/2013 16:20

La rivoluzione di Papa Francesco e le opposizioni nella Chiesa

Parla il vaticanista Marco Politi: per ora attacchi sul Web

La rivoluzione di Papa Francesco e le opposizioni nella Chiesa

Roma (askanews) - Un vero e proprio momento di "rottura": all'indomani dell'intervista di Papa Francesco a Civiltà Cattolica, i vaticanisti commentano così le prese di posizione, molto forti, di Bergoglio sulla povertà della Chiesa, sull'omosessualità, sull'aborto e il divorzio. Marco Politi segue la Santa Sede per il Fatto Quotidiano."C'è un approccio - spiega - completamente nuovo che segna una rottura con quello che è stato il Pontificato di Benedetto XVI. Francesco dice che la dottrina della Chiesa è quella che è, io sono un figlio della Chiesa, ma non c'è bisogno di ripetere ogni volta le stesse cose. Ma è importante entrare nella vita delle persone".La piccola rivoluzione di Francesco, secondo Politi, ha comunque innescato reazioni anche di dissenso nel mondo cattolico."Finora queste resistenze e ostilità - aggiunge il vaticanista - si esprimono nel mondo del Web, di gruppi cattolici. Non parlano ancora vescovi e cardinali, ma sappiamo che c'è anche una opposizione a questa sua politica riformatrice".

Gli articoli più letti
Riforme
Vigilia del voto, Sì e No si accusano di violare il silenzio
Riforme
Referendum, Renzi: brogli? Siamo seri, polemiche stanno a zero
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari