lunedì 05 dicembre | 09:46
pubblicato il 09/ago/2011 13:01

La Regione Sicilia ricorrerà a Consulta contro codice antimafia

Per la giunta Lombardo è illegittimo e penalizza i siciliani

La Regione Sicilia ricorrerà a Consulta contro codice antimafia

Il codice antimafia è illegittimo e penalizza i siciliani. A sostenerlo è la giunta di Raffaele Lombardo che annuncia che la Regione siciliana ricorrerà alla Corte Costituzionale se il decreto approvato dal Consiglio dei ministri, il 3 agosto, entrerà in vigore. Secondo l'assessore all'Economia, Gaetano Armao, il provvedimento emargina Regioni ed enti locali nell'assegnazione dei beni confiscati alla mafia, quali sedi per uffici, scuole, servizi di assistenza sociale, spesso affittati agli stessi enti generando oneri impropri sui bilanci. I siciliani dunque, secondo la Regione, sono costretti a pagare due volte, prima da vittime del pizzo e poi da contribuenti. Il testo normativo infatti prevede che i beni confiscati restino allo Stato e non siano restituiti al territorio.

Gli articoli più letti
Riforme
Referendum, Di Maio: da domani al lavoro per futuro governo M5s
Riforme
Referendum,Si:respinti rappresentanti no a scrutinio voto estero
Riforme
Referendum, Renzi: ho perso io e mi dimetto, ma senza rimorsi
Riforme
Referendum, affluenza boom alle urne: alle 19 è già al 57,24%
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari