giovedì 23 febbraio | 17:34
pubblicato il 09/ago/2011 13:01

La Regione Sicilia ricorrerà a Consulta contro codice antimafia

Per la giunta Lombardo è illegittimo e penalizza i siciliani

La Regione Sicilia ricorrerà a Consulta contro codice antimafia

Il codice antimafia è illegittimo e penalizza i siciliani. A sostenerlo è la giunta di Raffaele Lombardo che annuncia che la Regione siciliana ricorrerà alla Corte Costituzionale se il decreto approvato dal Consiglio dei ministri, il 3 agosto, entrerà in vigore. Secondo l'assessore all'Economia, Gaetano Armao, il provvedimento emargina Regioni ed enti locali nell'assegnazione dei beni confiscati alla mafia, quali sedi per uffici, scuole, servizi di assistenza sociale, spesso affittati agli stessi enti generando oneri impropri sui bilanci. I siciliani dunque, secondo la Regione, sono costretti a pagare due volte, prima da vittime del pizzo e poi da contribuenti. Il testo normativo infatti prevede che i beni confiscati restino allo Stato e non siano restituiti al territorio.

Gli articoli più letti
Centrosinistra
Entro sabato gruppi ex Pd, pressing per convincere parlamentari
Pd
Renzi: in California cerco idee anti-populisti
Aborto
Aborto, senatori Pd: ora legge per concorsi medici non obiettori
Pd
Anche Orlando in corsa per le primarie Pd, domani l'annuncio
Altre sezioni
Salute e Benessere
Tribunale malato: per 1 medico su 3 troppo poco tempo per paziente
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Scoperta una nuova specie di mammifero: lo scoiattolo meridionale
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
I 7 gemelli della Terra: il parere dell'astronauta Maurizio Cheli
TechnoFun
Internet of Things: dopo la "nuvola" si studia la "nebbia"
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech