sabato 10 dicembre | 16:26
pubblicato il 12/feb/2014 18:48

La Corte Costituzionale boccia la legge Fini-Giovanardi

Torna la distinzione tra droghe leggere e pesanti

La Corte Costituzionale boccia la legge Fini-Giovanardi

Roma, (askanews) - Torna la distinzione droghe leggere e pesanti. La Corte Costituzionale, infatti, ha bocciato la cosiddetta "legge Fini-Giovanardi" del 2006 perchè giudicata incostituzionale.Con la decisione della Consulta si torna alla normativa precedente, ovvero alla legge Iervolino-Vassalli, come modificata da referendum del 93, che prevede pene più basse per le droghe leggere. La questione era stata sollevata dalla Cassazione per infrazione dell'articolo 77 della Carta. Tutto è iniziato dal ricorso presentato da un cittadino di Trento che fu condannato a quattro anni di reclusione perché trasportava 3,8 chili di hashish.La bocciatura della Fini-Giovanardi potrebbe avere conseguenze pressoché immediate su circa 10mila detenuti, perchè gli arrestati per droghe leggere sono il 40% degli arrestati per reati in materia di stupefacenti.

Gli articoli più letti
Governo
Renzi verso ok a governo Gentiloni, ma su data voto è rebus
Governo
Seconda giornata consultazioni da Mattarella, Gentiloni in pole
Governo
Di Battista:risponderemo a colpi piazza a tentativo fermare M5s
Governo
Da Mattarella possibile incarico domenica, in pole c'è Gentiloni
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Le tecnologie spaziali che aiutano la sostenibilità
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina