venerdì 20 gennaio | 15:33
pubblicato il 12/feb/2014 18:48

La Corte Costituzionale boccia la legge Fini-Giovanardi

Torna la distinzione tra droghe leggere e pesanti

La Corte Costituzionale boccia la legge Fini-Giovanardi

Roma, (askanews) - Torna la distinzione droghe leggere e pesanti. La Corte Costituzionale, infatti, ha bocciato la cosiddetta "legge Fini-Giovanardi" del 2006 perchè giudicata incostituzionale.Con la decisione della Consulta si torna alla normativa precedente, ovvero alla legge Iervolino-Vassalli, come modificata da referendum del 93, che prevede pene più basse per le droghe leggere. La questione era stata sollevata dalla Cassazione per infrazione dell'articolo 77 della Carta. Tutto è iniziato dal ricorso presentato da un cittadino di Trento che fu condannato a quattro anni di reclusione perché trasportava 3,8 chili di hashish.La bocciatura della Fini-Giovanardi potrebbe avere conseguenze pressoché immediate su circa 10mila detenuti, perchè gli arrestati per droghe leggere sono il 40% degli arrestati per reati in materia di stupefacenti.

Gli articoli più letti
Terremoti
Blog Grillo: col cuore in Abruzzo. E' il momento di essere uniti
Pd
Pd, correnti in tensione su voto subito e leadership Renzi
Terremoto
M5s cancella mobilitazione giorno decisione Consulta su Italicum
Craxi
Berlusconi: mi manca Craxi, è stato vittima di un golpe
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
A Unidata gara per frequenze reti radio a larga banda
Sistema Trasporti
Delrio: "Proporrò sconti sugli abbonamenti del trasporto locale"