domenica 04 dicembre | 05:20
pubblicato il 16/mag/2016 13:57

La corsa per Roma: Giachetti, "la chiave è nel decentramento"

L'intervista al candidato sindaco della capitale

La corsa per Roma: Giachetti, "la chiave è nel decentramento"

Roma, (askanews) - Roberto Giachetti, 55 anni, è il primo dei candidati sindaco di Roma intervistati negli studi di askanews. Pd con tessera radicale, candidato per il centrosinistra, già capo della segreteria di Francesco Rutelli quando Rutelli era sindaco: "La passione va oltre qualunque ragionamento" osserva Giachetti, che nel passaggio da vicepresidente della Camera a sindaco in termini finanziari ci perderebbe, "Roma è una sfida talmente bella". Ridare fiducia al Pd dopo gli eventi della giunta Marino, perché? "Questa è una coalizione vasta che ha dentro liste civiche, Italia dei Valori, Verdi, Radicali, è poi perché il Pd è cambiato moltissimo dopo le vicende di Mafia capitale" dice Giachetti. "Il lavoro del commissario Orfini e in particolare il lavoto che ha fatto Fabrizio Barca sui circoli e la nostra iniziative di liste pulite danno il quadro di un partito rinnovato. A guidare la campagna elettorale ci sono tutti ragazzi under 40. Non a caso ci sono stati molti maldipancia in questo periodo, significa che le cure sono fatte bene".

Come conciliare le promesse elettorali e l'altissimo debito del comune di Roma? "Sono due questioni diverse. Il comune di Roma butta anche tanti soldi, per esempio sulla manutenzione stradale ci sono cento appalti, su questo si possono ridurre i costi. C'è il tema dell'evasione fiscale e sui mezzi di trasporto: insomma bisogna ricavare risorse da un lavoro sul bilancio ordinario. Poi c'è il tema del debito commissariato: paghiamo interessi del 5% per mutui contratti 40, 50 anni fa. Dobbiamo rinegoziare i mutui ai tassi attuali del 2,5%".

Come far lavorare di più e meglio i 25mila impiegati del comune e i 25mila delle aziende municipalizzate? "Non sono tutti fannulloni: il personale lavora in funzione della missione che noi riusciamo a dare. Si tratta di rivoltare la struttura amministrativa rafforzando il potere dei municipi con soldi, personale e competenze, lasciando alla struttura centrale la programmazione e il controllo. La stragrande maggioranza dei dipendeti allora avrà voglia di lavorare per riscattare Roma".

Riscattare anche le periferie, più degradate rispetto al centro? "Bisogna avere una visione diversa di Roma" risponde Giachetti. "Roma è una città policentrica, un'immagine che supera l'idea di 'periferia'. Ci sono tante città e anche all'interno di ogni municipio ci sono sperequazioni enormi nella spesa sociale. Serve un lavoro per ricucire la città: l'assistenza sociale stando più sul territorio. Poi Roma è disseminata di opere non finite che devono essere completate e restituite ai cittadini per farne punti di aggregazione, palestre, scuole di musica, biblioteche".

La prima cosa che farà Giachetti da sindaco, dunque: "immediatamente avviare la procedura per il decentramento. Rafforzare i municipi: lì c'è la risposta principale ai problemi quotidiani dei romani. E la devono dare i minisindaci che in realtà sono dei maxi frustrati perché governano territori più grandi di Firenze, Bologna o Verona. Il settimo municipio ha più abitanti di Bonn. Devono avere gli strumenti per farlo, devono rispondere ai cittadini, e così i cittadini potranno esprimere la loro valutazione alla fine del mandato come in ogni città italiana".

Gli articoli più letti
Riforme
Referendum,voto cattolico plurale:da no Family day a sì gesuiti
Riforme
Vigilia del voto, Sì e No si accusano di violare il silenzio
Riforme
Referendum, quante volte è cambiata la Costituzione dal '48 a oggi
Riforme
Referendum, sfida decisiva per la madrina delle riforme Boschi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari