martedì 17 gennaio | 02:09
pubblicato il 10/feb/2011 16:22

La carica dei 101 ma nel Pdl: Tornare all'immunità parlamentare

Testo modifica Carta: Se premier sfiduciato può chiedere elezioni

La carica dei 101 ma nel Pdl: Tornare all'immunità parlamentare

Roma, 10 feb. (askanews) - Modificare la seconda parte della Costituzione "per assicurare governabilità al Paese". Come? Tornando all'immunità parlamentare e dando al presidente del Consiglio la possibilità di chiedere, se sfiduciato, le elezioni anticipate. E' quanto prevede la proposta di legge costituzionale presentata il 2 febbraio scorso alla Camera da un gruppo di 101 deputati del Pdl, primo firmatario Giuseppe Calderisi. "Non serve al governo Berlusconi - assicura Calderisi - se il suo esecutivo vivrà o meno non dipende certo dalla modifica della Costituzione". Ma, spiega il deputato del Pdl nella relazione introduttiva al testo già assegnato alla commissione Affari Costituzionali di Montecitorio, "proprio i tentativi di destabilizzazione dell'esecutivo e l'uso politico della giustizia che stanno caratterizzando drammaticamente questa legislatura, oggi volti a colpire il governo Berlusconi, domani potenzialmente in grado di colpire qualsiasi altro governo, confermano, per la loro abnormità, l'assoluta necessità e urgenza quanto meno di alcune modifiche costituzionali per assicurare almeno in futuro governabilità al paese". Sono nove gli articoli della Carta che "la carica dei 101", così è stato soprannominato il gruppo di firmatari, intende modificare: l'articolo 68 innanzitutto. Stabilendo, sulla falsariga della proposta bipartisan depositata al Senato dalla democratica Franca Chiaromonte e dal Pdl Luigi Compagna, che "l'autorità giudiziaria, prima di sottoporre a procedimento penale un membro del Parlamento, né da comunicazione alla Camera di appartenenza. Entro il termine perentorio di novanta giorni dalla comunicazione, nel corso dei quali il procedimento è sospeso, la Camera decide se disporre, a garanzia della libertà della funzione parlamentare, la sospensione del procedimento per la durata del mandato". Scatta il "silenzio-assenso" e quindi il via libera al procedimento, spiega Calderisi, se la Camera non risponde entro 90 giorni.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pd
Bersani: Renzi non ha capito lezione, così si sbatte di nuovo
Conti pubblici
Conti pubblici, blog Grillo: Gentiloni e Padoan si dimettano
Centrodestra
Salvini: se Berlusconi preferisce Renzi, meglio soli al voto
Conti pubblici
Ue sollecita manovra correttiva. Gentiloni vede Padoan
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
L'Italia difende Fca dalle accuse tedesche: le sue auto sono in regola
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella, conto alla rovescia Anteprima Amarone
Turismo
A Singapore la gara di Danza del leone, caccia i cattivi spiriti
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Milano Moda Uomo, trionfo di righe e quadri da Missoni
Scienza e Innovazione
Rompicapo galattico per telescopio Hubble
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Milano, ripartono lavori prolungamento M1 fino a Monza Cinisello